I genitori degli alunni di Sanza, con una nota ufficiale inviata alla dirigente, Antonietta Cantillo e per conoscenza al sindaco di Sanza, Vittorio Esposito, denunciano una serie di disservizi relativi agli ambienti scolastici.

Nel dettaglio sono giunte lamentele circa la mancanza di personale ATA in grado di garantire la pulizia degli ambienti. Carenze, inoltre, nei servizi scolastici, come ad esempio la mancanza di lavagne LIM in alcune aule. Il sindaco e l’Amministrazione comunale stanno prestando la massima attenzione ed hanno evidenziato che, per quanto concerne la sicurezza dell’area d’accesso all’Istituto scolastico di piazza San Francesco, dove è stata lamentata la scivolosità del pavimento d’ingresso, “si è già provveduto a dare mandato all’Ufficio tecnico di progettare e realizzare una tettoia a copertura degli spazi che sarà installata nelle prossime settimane”.

Lo stesso sindaco poi ha ricordato che presto saranno terminati i lavori in corso di adeguamento e ristrutturazione dell’Istituto “Pisacane” di Via Val D’Agri dove si procederà a trasferire tutti i plessi, dalla scuola dell’infanzia alle scuole medie. Tuttavia rimane la questione legata alla gestione della scuola con le sue problematiche ataviche, a partire dalla mancanza di personale ATA.

“Invitando la dirigente a tenere in debita considerazione la questione denunciata dai genitori, per quelle che sono le competenze del Comune, fin da ora – ha affermato il sindaco Esposito – si è a diposizione per fornire supporto e materiali, fermo restando l’autonomia scolastica che deve essere garantita e rispettata. Nel ringraziare i rappresentanti dei genitori ed i genitori tutti per l’impegno ed il rigoroso controllo delle attività e della funzionalità del servizio scolastico, l’Amministrazione comunale si è già attivata, pur non avendone nessuna competenza, proprio in virtù dell’autonomia scolastica, ad installare un nuovo sistema di connessione internet per garantire l’accesso alla rete nelle aule della vecchia struttura delle scuole medie. Invito poi la dirigente scolastica ad un incontro per affrontare insieme le problematiche esposte. Infine risulta chiaro che, mai come in questo momento, è necessario evidenziare il superamento delle reggenze scolastiche negli istituti. Ogni scuola, come è giusto che sia, deve avere un dirigente presente e responsabile”.

“Comprendiamo bene – ha affermato il sindaco Esposito – quanto possa essere complicato e difficile, nelle condizioni date, per un dirigente occuparsi di tre, quattro istituti scolastici contemporaneamente, situati a decine di chilometri di distanza. E’ giunto il momento che l’Ufficio Scolastico regionale, il governo ed il Ministero dell’Istruzione, risolvano questa vicenda in modo definitivo”.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano