Sono una decina i furti messi a segno da una banda nella notte tra giovedì e venerdì in contrada Manzelle a Buccino, a poche centinaia di metri dal confine con la Basilicata.

Non solo, quindi, le due auto rubate davanti ad un’abitazione, ma anche l’irruzione in depositi, capannoni e cantine. I ladri sono riusciti a racimolare un bottino di non poco conto che si aggirerebbe intorno a qualche decina di migliaia di euro. La banda non è entrata nelle abitazioni con le persone all’interno, ma ha preferito depositi e cantine.

Oltre al furto di una Ford Focus e una Fiat Punto, hanno rubato benzina e gasolio in un casolare, rifornendo quindi le due auto, che sarebbero poi state utilizzate per caricare la refurtiva. Si sono poi diretti in un’altra abitazione, riuscendo ad asportare dalla cantina circa dieci quintali di olio di oliva.

Hanno poi continuato a fare razzia in altre abitazioni, rubando ancora olio, conserve alimentari e attrezzature di vario genere come decespugliatori, motoseghe, flex e altre attrezzature costose. Sono riusciti ad entrare spaccando le porte e in altri casi tagliando lucchetti e serrature.

Davanti ad alcune abitazioni c’erano dei cani di grossa taglia che, forse addormentati o storditi, non hanno abbaiato. I residenti hanno raccontato di aver visto, il giorno successivo, alcune auto girare nell’area e in particolare un furgone con targa dell’est Europa.

I furti sono stati denunciati ai Carabinieri che indagano per risalire agli autori.

– Claudio Buono –


  • Leggi anche:

27/4/2018 – Ladri in azione nella notte a Buccino. Rubate due automobili e numerosi attrezzi da lavoro

2 Commenti

  1. Nicola Rubino says:

    Bravo Davide hai ragione, vedi se sti delinquenti venissero presi e mettere loro con le catene e metterli a lavorare e farli soffrire un poco alla volta forse si insegneranno un poco , in Italia la legge non funziona , come qualcuno che uccide lo fanno fare una visita psichiatra e lo fanno passare così che già qualche problema , invece sanno di quello che fanno con consapevolezza.

  2. davideorlando13@libero.it says:

    Questo e’ lo schifo, anche se vengono presi, dalle bravissime forze dell’ordine, rischiando la vita, il giorno dopo sono fuori, non va bene, tanto hanno capito che in Italia si puo’ delinquere, non avendo una pena certa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano