Parte in Campania la dematerializzazione delle ricette mediche. Da dicembre, infatti, il medico di base non dovrà più prescrivere farmaci, prestazioni specialistiche ed esami diagnostici tramite la classica “ricetta rossa”, ma attraverso un sistema di ricettazione elettronico on line. La dematerializzazione era stata già prevista dal governo Monti tramite la cosiddetta Agenda digitale, ma in Campania si era arenato a causa di problemi tecnico-organizzativi e poi perchè in molte zone la connessione a internet non è di buona qualità.

Ieri una circolare della Regione Campania indirizzata ai farmacisti ha informato che si è “in procinto di definire un decreto attuativo con cui saranno dettagliate tutte le procedure” per giungere alla dematerializzazione. Molto stretti i tempi, come ha si evince dalle parole del presidente di Federfarma Salerno Marcello Conte secondo il quale, tra dicembre e gennaio, si passerà al nuovo sistema. “Dobbiamo definire qualche dettaglio tecnico, ma possiamo affermare che è questione di pochi giorni” spiega Conte.

La ricetta cartacea rimarrà ancora per un po’ di tempo, ma il medico annoterà su un promemoria il codice fiscale del paziente, il codice della ricetta e quello della regione. Informazioni che, digitate dal farmacista sul computer, mostreranno online la prescrizione. In seguito scomparirà anche questo il promemoria cartaceo e le prescrizioni saranno totalmente digitalizzate. Si dovranno digitare dei codici in un software apposito per vedere sul terminale tutte le informazioni.

– redazione – 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*