Il Decreto “Sblocca Italia” applica la Strategia Energetica Nazionale e tra le novità che introduce vi sono il riconoscimento del carattere strategico di ogni infrastruttura legata agli idrocarburi e la sottrazione alle regioni delle procedure di Valutazione di Impatto Ambientale riguardanti la ricerca, la prospezione e l’estrazione di idrocarburi, che passerebbero così di fatto allo Stato eliminando l’autodeterminazione degli enti territoriali più sensibili e vicini alle esigenze delle rispettive comunità gestite. A questo proposito le amministrazioni comunali del Vallo di Diano, di concerto con la Comunità Montana, hanno già espresso parere contrario allo “Sblocca Italia” durante una Conferenza dei Sindaci, ed entro il prossimo 8 ottobre dovranno approvare la delibera di Giunta o di Consiglio da inviare alla Regione Campania affinchè la stessa impugni il Decreto.

Donato Pica, consigliere regionale Pd, interviene in merito alla questione. “C’è un allarme abbastanza diffuso soprattutto nelle aree interne – afferma Pica – rispetto alle modalità introdotte circa la materia delle ricerche e delle estrazioni petrolifere, con un rischio molto concreto che è quello di vedere espropriata di qualsiasi competenza la Regione Campania, che ha più cognizione diretta di quelle che sono le caratteristiche dei territori“.

“Una mobilitazione dei sindaci che, attraverso la Comunità Montana Vallo di Diano, ha prodotto un documento ben articolato che io sto per trasformare in un ordine del giorno da presentare al presidente Caldoro – conclude Donato Pica – Auspichiamo un intervento autorevole e diretto insieme ai rappresentanti delle altre regioni, per recuperare dignità al ruolo della regione stesso e mantenere in capo a questi enti le competenze che sono necessarie per poter tutelare nel modo migliore il territorio“.

– Chiara Di Miele – 


 

3 Commenti

  1. francesca says:

    Io sono e voglio rimanere campana. Sappiamo il disastro che le risorse hanno prodotto nella Val D’Agri. W questi politici valdianesi

  2. Ma il vallo di diano non voleva passare in Basilicata? Sapete che la Basilicata è la prima risorsa petrolifera d’Italia ? W la Basilicata ‘ W Pittella W il petrolio . A casa questa specie di politici valdianesi che da 30 anni parlano,parlano,parlano

    • pasquale says:

      Dove sei nato?
      Ringraziamo il tanto illuminato frank. ma queste cose dette da campani non fanno campanelli , ma asinelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*