È scattata ieri, nelle Banche, l’operazione liquidità alle imprese. Ne abbiamo parlato con il Direttore generale della Banca Monte Pruno, Michele Albanese.

  • Direttore, ieri anche la Banca Monte Pruno al lavoro per dare vita all’operazione liquidità alle imprese.  Come è andata?

Un primo bilancio, sicuramente sommario, ci permette di affermare che il processo è iniziato concretamente nelle ultime ore. Stiamo facendo un grande sforzo, con tutte le filiali operative sul territorio, per dare assistenza alla clientela che si trova spaesata dinanzi ad un percorso che credevano, sulla scorta delle prime indicazioni, fosse automatico ed immediato. Siamo particolarmente ottimisti e pronti a garantire il supporto necessario ai nostri soci ed alla nostra clientela.

  • Quante sono state le richieste già pervenute?

Le richieste arrivate via posta elettronica certificata, in questo primo giorno, hanno già superato le 250 unità mentre un’altra quota è stata consegnata direttamente presso le filiali. Il tutto, mi preme evidenziare, con forte collaborazione e comprensione. Noi stiamo dando grande priorità a questo lavoro per garantire con rapidità le risposte necessarie e le erogazioni richieste. Contiamo, con la massima serenità, di evadere, senza ritardi e con la consueta professionalità, le pratiche che ci sono state sottoposte.

  • Vi aspettavate il dato che avete registrato?

Il dato è in linea con le aspettative anche perché abbiamo definito, d’intesa con la Capogruppo, delle direttive operative che prevedono la copertura verso coloro i quali sono già nostri clienti, che non hanno anomalie connesse alle loro posizioni di credito (clientela “in bonis”) e che non rientrano nei gruppi di rischio. Questo per l’ambito “25 mila euro”. Per importi più alti utilizzeremo gli altri strumenti a disposizione con una consulenza molto più profonda per addivenire a soluzioni sempre più consone alle diverse situazioni aziendali.

  • Ce la faranno le aziende e le attività che si rivolgono a voi per riprendere il loro percorso?

È quello che tutti vogliamo. La liquidità darà un pò di impulso ma non è sufficiente perché c’è bisogno di rilanciare la fiducia anche dei consumatori e, dopo un periodo come questo, credo che sia alquanto difficile. Mi sento di suggerire alle imprese di valutare seriamente questa operazione di liquidità perché è un finanziamento come tutti gli altri e di non richiederlo con superficialità come se fosse un aiuto che lo Stato concede. Invito a fare le giuste valutazioni perché è indispensabile, altrimenti perdiamo tutti del tempo prezioso. Quello che oggi serve è ripartire: logicamente se ci sono tutte le condizioni sanitarie e di sicurezza del caso perchè se così fosse già sarà un’ottima notizia che infonderà positività. Oggi ne abbiamo tanto bisogno. Abbiamo un ruolo fondamentale in questa partita e come ho sempre detto, non ci tireremo indietro.

Rocco Colombo –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*