caggiano detenuti 04Ieri sera i ragazzi dell’associazione culturale “La preta” hanno trasformato una delle piazze di Caggiano in un palcoscenico per ospitare la rassegna teatrale dei detenuti dell’ Istituto Penitenziario a Custodia Attenuata di Eboli: la “Divina Galera”. Un’opera che nasce dalla mente di un attore – detenuto, dapprima come poesia sulle rime della Divina Commedia di Dante e poi grazie alla tenacia della Direttrice dell’Istituto dott.ssa Rita Romano diventa uno spettacolo teatrale, messo in scena con molta passione. La rappresentazione racconta la storia di uomini che in momenti di disperazione hanno ceduto alle droghe e da qui sono entrati in un baratro di cattive compagnie e di continui sbagli, che li ha condotti in carcere.

Nella solitudine angosciante del carcere, molto spesso questi ragazzi si sono legati a persone sbagliate e hanno continuato a delinquere, cadendo in un abisso insostenibile ma soprattutto emerge il forte sentimento di giudizio e di esclusione dal mondo esterno e dalla famiglia che essi percepiscono in maniera estremamente forte.caggiano detenuti 05 L’istituto ICATT ospita ragazzi con un passato da tossicodipendenti e ha l’obiettivo di renderli più responsabili anche attraverso il teatro, al fine di allontanare gli sbagli compiuti in passato e ritornare a vivere la vita ‘comune’.

Questo è anche il messaggio che la Divina Galera trasmette con forte emozione e passione. Dello spettacolo colpisce anche il ruolo di attore svolto da un’agente di polizia penitenziaria, nello specifico Michele Ferrarese che presenta ai nostri microfoni la rassegna teatrale con sentimento e trasporto.

– Rosanna Raimondo –

caggiano detenuti 01 caggiano detenuti 02 caggiano detenuti 03


 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*