Questa mattina si è svolta alla Prefettura di Salerno una riunione per trovare soluzione ai disagi che interessano la centrale idrica di Caggiano.

Alla riunione con il Prefetto Salvatore Malfi, erano presenti una delegazione di operai, i sindaci di Caggiano, Salvitelle e Polla, i rappresentanti sindacali, Michele Marano responsabile regionale dell’ATO 4 e Ciro Pisacane addetto regionale per il ciclo integrato delle acque.

Sono state evidenziate le richieste degli operai che da 7 mesi sono senza stipendio e dei Sindaci che vivono situazioni di criticità idrica, soprattutto Caggiano che da diversi giorni ha i rubinetti a secco nelle abitazioni.










La situazione è difficile, i responsabili ATO hanno avanzato offerte di integrazione degli operai nei lavori della rete idrica regionale, ma non hanno trovato consenso dai delegati-dichiara il sindaco di Caggiano –Ho presentato richieste in Regione e Prefettura e oggi, insieme ai sindaci di Salvitelle e Polla abbiamo richiesto il passaggio degli impianti regionali alla Consac e la rimozione degli ostacoli che impediscono lo sgombero della centrale“.

Dalla riunione non è fuoriuscita alcuna risoluzione al problema. “Continuiamo a presidiare la struttura senza gestirla – commentano gli operai –auspicando che la legge regionale venga rispettata“.

– Rosanna Raimondo – 


  • Articolo correlato:

31/5/2017 – Caggiano: operaio si barrica nella centrale idrica e minaccia di uccidersi

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*