Per contrastare il Covid-19 molte attività dovranno essere precluse a chi non è vaccinato: ristorante, cinema, stadio, aereo.

È quanto propone il Direttore scientifico dell’Istituto Spallanzani di Roma, il dottore Giuseppe Ippolito, luminare originario di Sant’Arsenio.

Le misure, precisa, potranno essere eventualmente adottate, però, “solo quando il vaccino sarà disponibile per tutti, altrimenti sarebbero un fattore discriminante”.

Per convincere chi è indeciso a farsi vaccinare, secondo Ippolito, si potrebbero coinvolgere anche gli influencer sui social media. Secondo il Direttore, tra gli scettici sono riconoscibili 5 tipi: coloro che non pensano di potersi ammalare, quelli che non capiscono o non vogliono capire l’importanza di vaccinarsi quale atto civico, chi dubita dell’efficacia del vaccino, coloro che temono effetti collaterali in seguito alla sua somministrazione e chi invece pensa che sia stato trovato troppo velocemente.

Il problema, inoltre, secondo il medico dello Spallanzani “è la mancanza di vaccini”.

“Ho fiducia che gli italiani abbiano capito l’importanza del vaccino – spiega – E lo scetticismo non inficerà il risultato della campagna di vaccinazione anti-Covid”.

 “I vaccini ci permetteranno, se non di debellare il virus – ha concluso – di tornare a una vita normale”.

– Claudia Monaco –

4 Commenti

  1. Angelo palisciano says:

    Quando te lo fai tu me lo faccio anche io ma devo vedere con I miei occhi

  2. Il vaccino dovrebbe obbligatorio. Forse nicol non sa chi è il dott. Ippolito anzi il prof. Ippolito. Glielo lo ricordo: direttore scientifico dello ospedale Spallanzani (ma dovrebbe sapere prima di tutto che cosa è lo Spallanzani… nonchè membro del CTS (e anche qui dovrebbe sapere cosa è il CTS). E’ vergognoso che ci esprima in questi termini con tutti i morti e gli ammalati di Covid che ci sono, ci sono stati e ci saranno fino a quando l’ignoranza la farà da padrone.

  3. Il Dott. Ippolito e’ ad un livello Superiorissimo . L aSignora o Signorina Nicol faccia l’esame di ignoranza sul Covid 19.

  4. NON ESISTE L’OBBLIGO DEL VACCINO MIO ‘CARO’ DOTT…E TU NON SEI NESSUNO A DETTARE LEGGE O A OBBLIGARMI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*