Nella giornata di ieri, dopo le ultime consegne, la Campania ha raggiunto finalmente la media nazionale, abbiamo solo 300 vaccini in meno rispetto alla percentuale della nostra popolazione. È una prima notizia positiva, ovviamente c’è voluta una guerra di due mesi per far prevalere il principio dell’uguale diritto di tutti i cittadini italiani”.

Così oggi pomeriggio in diretta su Fb il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca nel consueto appuntamento settimanale per fare il punto della situazione sui contagi e sulla campagna vaccinale e fornire aggiornamenti sulle attività e le iniziative in corso per la ripartenza in sicurezza. 1 milione e 80mila cittadini campani sono stati già immunizzati con prima e seconda dose e con le forniture di vaccini ricevute ieri la Campania ha recuperato i 230mila vaccini che aveva perso in precedenza.

Risultato straordinario – sottolinea De Luca – conseguito grazie al lavoro di tutto il nostro personale sanitario, medico, infermieristico e amministrativo. Dobbiamo completare la vaccinazione per inizio luglio di tutta la città di Napoli e anche i capoluoghi di provincia”. 

Cominciamo a respirare – ha detto ancora il Presidente della Regione – per il Covid, per l’economia, per lo sviluppo, per il lavoro nella nostra regione. La raccomandazione è di essere prudenti, abbiamo ancora 300 positivi oggi. Sono quasi tutti asintomatici, ma sono persone che contagiano e sono il risultato di tre fattori: abbiamo avuto 230mila vaccini in meno nei mesi scorsi e questo pesa, poi siamo la regione a più alta densità abitativa d’Italia e abbiamo avuto una percentuale di imbecilli che non ha rispettato le regole di prudenza e contrasto al Covid e mi auguro che questa percentuale si riduca al minimo. Serve senso di responsabilità perchè molte delle norme che saranno previste a livello nazionale sono ridicole e nessuno controllerà. Autocontrolliamoci e autolimitiamoci, perchè comunque c’è un 15% di cittadini che per sua scelta non ha voluto vaccinarsi ed è esposto al contagio, ci sono le varianti, a settembre riapre l’anno scolastico per tutte le fasce di età e abbiamo tutti i motivi per rallegrarci, respirare, guardare con fiducia al futuro ma anche per essere prudenti e responsabili”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*