L’ospedale di Sant’Arsenio doveva diventare presidio anticovid. Questo nei soliti annunci in pompa magna del Partito Democratico. In queste ore, invece, si sta consumando un nuovo schiaffo al Vallo di Diano: la struttura ospedaliera resterà chiusa a doppia mandata”. La denuncia è dei senatori del Movimento 5 Stelle Francesco Castiello, Felicia Gaudiano e del consigliere regionale Michele Cammarano.

Appare poco sensata la scelta di tenere chiusa la struttura ospedaliera di Sant’Arsenio. Una contraddizione in termini, se si pensa che i tamponi effettuati per controllare la positività al Coronavirus sono ritirati da un’autoambulanza che si muove dall’ospedale di Nocera Inferiore – denunciano i parlamentari – per poi raggiungere l’ospedale di Polla, da lì prendere in carico i tamponi da analizzare e infine la consegna all’ospedale di Salerno per poi avviare le dovute verifiche. Tempi lunghissimi, in un territorio che si è contraddistinto come uno dei focolai campani, con comuni interamente chiusi per quarantena. Un’inefficacia sanitaria e di gestione con un unico effetto evidente: il danno alla salute pubblica nel Vallo di Diano”.

La verità purtroppo è maledettamente nota – concludono Castiello, Gaudiano e Cammarano – le aree del Vallo di Diano sono servite e adoperate unicamente come bacino di voti clientelari. Dopo aver distrutto la sanità pubblica, si approfitta di questa emergenza sanitaria per favorire cliniche private e si continua a ignorare strutture pubbliche già esistenti in territori difficili e isolati come quelli del Vallo di Diano”.

– Chiara Di Miele –

9 Commenti

  1. michele giudice says:

    ANCORA DORMITE AMMINISTRATORI COMUNALI DI TUTTO IL VALLO DATEVI UNA REGOLATA ALTRIMENTI FACCIAMO LA FINE DI BERGAMO E BRESCIA E CODOGNO. ANONIMO DI SALA CONSILINA

  2. Vincenzo says:

    Domattina dalle 10 alle 11 su RaiNews24, a Studio24, si parlerà del presidio ospedaliero di Sant’Arsenio, quale soluzione per l’emergenza CoViD. Interverranno politici del Vallo. Diffondete.

  3. Antonio Cantelmi says:

    Ma smettiamola, l’ospedale di S. Arsenio non è più tale. Rendiamoci conto che la struttura non ha niente x essere utilizzata x questo periodo. Il personale non basta x Polla figuriamoci x 2 ospedali vicini tra di loro. Penso alla enorme spesa da sopportare. Ormai quello stabile sarebbe meglio riconvertirlo x casa di riposo con un ridotto contributo degli ospiti, tenendo presente che le rette pagate in quelle private sono alte.

  4. Una volta finito il Covid -19 : l’ospedale di Sant’Arsenio sarebbe stato chiuso di nuovo! Ma che avete le fette di prosciuelezioni+posti poltronifici da riscaldare? Tutte ste polemiche me sa tanto che devono imboscate qualche medico, oh…..?

  5. Tenente Kojak says:

    E che cosa Vi aspettavate?Cari amministratori locali e non ,continuate a non servire a niente per la nostra terra.Vi illudete quando proponete di fare qualcosa,poi quando vi arriva la brutta notizia ammainate la voce.Continuate così, continuate ad illudervi tanto questa è L’ITALIA.

  6. Jonathan says:

    Abbiamo visto, sentito e letto su vari siti o social o testate giornalistiche i politici che in questi giorni hanno remato contro l’apertura della struttura di S. Arsenio. Sicuramente tanti ne terranno conto alle prossime elezioni. La gente è stanca di essere presa in giro.

  7. Tenente Kojak says:

    E che cosa Vi aspettavate?Amministratori ricordatevi che non servite a nulla.Non serviamo a nulla. Ricordatelo e non dimenticate questo ennesimo affronto.Continuate a sognare non svegliatevi .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*