Questa mattina Tommaso Pellegrino, sindaco di Sassano e Presidente del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, attraverso Fb ha espresso alcune considerazioni sull’emergenza sanitaria vissuta dalla Campania e dal Vallo di Diano che ha raggiunto in queste ore ha superato i 100 contagi da Coronavirus.

L’ho detto dall’inizio – spiega Pellegrino – che bisogna utilizzare il presidio di Sant’Arsenio per farlo diventare punto di riferimento dedicato al Covid-19. Ne sono più convinto oggi perchè con un numero di contagiati così alto, costruire dei percorsi dedicati diventa importante. Senza nulla togliere a cosa sta facendo l’ospedale di Polla, a cui va tutta la nostra gratitudine, che sta in tutti i modi di dare delle risposte. Però avere a disposizione a soli 3 km una struttura per un percorso dedicato, evitando che il ‘Curto’ si trasformasse in un Covid Center, deve essere una scelta ancora da valutare“.

Secondo Pellegrino, in questo modo, gli operatori sanitari lavorerebbero in sicurezza a Sant’Arsenio che così diventerebbe un punto di riferimento anche per il Golfo di Policastro, lasciando l’ospedale di Sapri dedicato ad altre urgenze e patologie.

A chi ci viene a dire che i tempi sono troppo lunghi – continua Pellegrino – consiglierei di cambiare scusa, perchè in Cina costruiscono un ospedale in un mese, ma anche in Italia in pochi giorni sono state allestite strutture ospedaliere con tutti gli strumenti per fronteggiare le urgenze legate al Coronavirus. Noi la struttura ce l’abbiamo già e in poche settimane, con pochi interventi mirati, potremmo avere un ospedale dedicato“.

“Io e pochi altri sindaci – spiega ancora – fin dall’inizio abbiamo sostenuto che ci fosse bisogno di qualche figura specialistica, soprattutto in Malattie infettive. Finalmente arriva anche all’ospedale di Polla uno specialista e mi fa piacere, ma questo non basta, perchè di queste figure c’è bisogno anche nel territorio. Ricordo che il 90% dei contagiati oggi viene seguito presso il proprio domicilio dai medici di base e questo richiede che ad affiancarli ci siano degli specialisti, proprio per ridurre anche il numero di ospedalizzazioni“.

Pellegrino parla poi di una mancata interazione tra ospedale e territorio e della necessità di un potenziamento della struttura.

Negli anni – prosegue – tutte le Regioni hanno investito molto nel privato e sottovalutato il pubblico, hanno ridotto il numero delle terapie intensive, eliminato in molti casi i reparti di Malattie infettive e quindi oggi abbiamo dei problemi. Questo determina una rincorsa continua a trovare posti di Terapia intensiva, determinando un danno ad altri reparti che vengono così bloccati, come nel caso dei percorsi seguiti dai pazienti oncologici. Vengono infatti rimandate chemioterapie, radioterapie e interventi chirurgici. Questo è il risultato di un investimento bilanciato. Mi auguro che alla fine di questo brutto incubo si possano fare valutazioni legate alle competenze, al ruolo della sanità pubblica, dei medici e degli infermieri che tante volte sono stati trascurati ma a cui oggi viene riconosciuta l’importanza del lavoro fatto in prima linea. Ma, soprattutto, si possa valutare un meccanismo che affida alle Regioni tutta la Sanità e che oggi sta dimostrando le sue falle. Si dovrebbe rimettere in capo allo Stato la Sanità pubblica del Paese“.

– Chiara Di Miele –

3 Commenti

  1. Gianna Maria Mennella says:

    Chi più di voi medici e politici stimati al contempo può farsi portavoce a chi di competenza di questa urgente richiesta e anche speranza di tutti i cittadini del Vallo che da anni sono spettatori inermi di una Sanità allo sfacelo?Temiamo,con consapevolezza ed angoscia, di dover combattere questo virus a mani nude! Aiutateci a non piangere e a non essere pianti in un modo così disumano ed indegno, già la vita nel nostro territorio non è stata facile!

  2. La struttura ospedaliera di Sant’Arsenio,se non erro,già aveva ed ha la predisposizione per Fisiopatologia Respiratoria e Malattie Infettive ! Tutto quanto serve per la diagnostica,terapia ed isolamento per le patologie da Covid19 ! Per cui è davvero strano che i Dirigenti Sanitari riuniti giorni fà all’Ospedale di Polla non abbiano fatto caso a questa importante opportunità ! Molto strano questo atteggiamento !

  3. Rocco Panetta says:

    Sarebbe veramente paradossale ed ASSURDO che NON si riesca a RIAPRIRE un Reparto di Malattie Infettive a Sant’Arsenio, il paese di origine del Direttore dell’ Ospedale Spallanzani, prof. Giuseppe Ippolito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*