Il Direttore Generale dell’ASL Salerno, Mario Iervolino, scrive a medici e personale impegnati in prima linea per combattere contro il Covid-19 in un periodo particolarmente duro per l’intero Paese e per il Salernitano. “Voglio esprimere il mio grande riconoscimento – scrive – per l’impegno che, tutti insieme, stiamo profondendo nelle diverse strutture della nostra Azienda. Stiamo facendo uno sforzo gigantesco che mette tutti a dura prova. Il ringraziamento va innanzitutto ai medici, agli infermieri, agli operatori socio sanitari ed al personale tutto che opera in prima linea nei reparti ospedalieri e nei servizi che assicurano le attività di prevenzione e di assistenza, con particolare riguardo per coloro che dedicano la loro attività ai pazienti affetti da Covid-19“.

La sicurezza di tutti i lavoratori mi sta a cuore – continua Iervolino – e, a tal proposito, stiamo lavorando, dal primo giorno, per mettere in campo ogni possibile iniziativa, cercando di superare, soprattutto, progressivamente le difficoltà di approvvigionamento, sia di DPI che di tecnologie e personale”.

Poi esprime riconoscenza e invia un abbraccio agli operatori che, nel corso della loro attività, si sono ritrovati ad essere positivi al virus. “Esprimo a loro tutta la mia partecipatone – afferma – e dico loro che li aspettiamo per continuare insieme la nostra guerra“.

Il mio ringraziamento va, ancora, a coloro che continuano a lavorare per far sì che la macchina amministrativa sia sempre operativa, così da rispondere alle specifiche esigenze delle strutture assistenziali – prosegue -. E’ con l’alto spirito di servizio e di abnegazione di tutti che, insieme, stiamo riuscendo a fronteggiare questi difficili momenti. E, consentitemi di dire, che sono orgoglioso di essere il Vostro Direttore Generale. Il lavoro di tutti noi, sono certo, ci farà uscire nel modo migliore da questi momenti terribili e ci consentirà di essere più pronti ed orientati ad una sanità che avrà ancor di più, per esperienza vissuta, come obiettivo l’umanizzazione e una maggiore vicinanza ai nostri assistiti“.

– Chiara Di Miele –

Un commento

  1. Tenente Kojak says:

    Questo dolore che stiamo vivendo ci deve far riflettere su ciò che è avvenuto negli anni passati per quanto riguarda li sistema sanitario italiano. Tagli,tagli e ancora tagli .Ci serva da monito per il futuro. Purtroppo il mondo è ammalato,quando avremmo sconfitto questo male,ne arriverà un’altro. Dovremmo essere pronti per una prossima guerra.Onore e vanto a tutti questi professionisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*