C’è anche l‘imprenditore salernitano Mario Del Mese tra le persone coinvolte nell’operazione di questa mattina all’esito di un’intensa attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Benevento. I Carabinieri del Comando Provinciale di Benevento hanno dato esecuzione a 18 ordinanze applicative di misure cautelari personali, di cui 8 agli arresti domiciliari e 10 misure interdittive del divieto temporaneo di contrattare con la pubblica amministrazione, emesse dal Gip di Benevento, su richiesta della Procura della Repubblica, nei confronti di vari soggetti, pubblici ufficiali in servizio presso la Provincia di Benevento, imprenditori e professionisti che sono gravemente indiziati, a vario titolo e in concorso tra loro, di corruzione aggravata, turbata libertà degli incanti, rivelazione di segreti d’ufficio ed emissione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti in relazione ad 11 procedure pubbliche di appalto indette e gestite dalla Provincia di Benevento, dalla Provincia di Caserta e dal Comune di Buonalbergo (Benevento), nonché dei reati di tentativo di induzione indebita a dare o a promettere altre utilità, tentativo di concussione, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente e falso ideologico.

E’ stato anche effettuato il sequestro preventivo di somme di denaro pari a 49.500 euro, il prezzo dei reati di corruzione finora accertati e di cui si ritiene siano già stati acquisiti elementi in relazione alla loro effettiva consegna.

Ai domiciliari sono finiti, tra gli altri, il Presidente della Provincia di Benevento Antonio Di Maria, il sindaco di Buonalbergo Michelantonio Panarese, Antonello Scocca, Angelo Carmine Giordano, Giuseppe Della Pietra, Raffaele Pezzella.

Del Mese, nipote dell’ex parlamentare dell’Udeur Paolo Del Mese, ha patteggiato una condanna a 7 mesi nel processo per il crac Ifil, la società satellite del pastificio Amato di Salerno. In quel procedimento è coinvolto anche Piero De Luca, figlio del Presidente della Regione Campania, a processo per bancarotta fraudolenta.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano