L’Amministrazione Comunale di Padula, guidata dal primo cittadino Paolo Imparato, ha dato il via ad un’iniziativa per monitorare l’attuale situazione epidemiologica attraverso l’esame delle persone maggiormente esposte al rischio di contagio del Coronavirus.

Si tratta di un tassello fondamentale per potersi incamminare verso la graduale riapertura delle attività in sicurezza e tranquillità.

Il monitoraggio, effettuato osservando scrupolosamente le misure di sicurezza, è stato possibile grazie all’importante contributo professionale offerto dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno che ha effettuato circa 350 tamponi a medici di base, dipendenti pubblici, Forze dell’Ordine, volontari della Protezione Civile, operatori del trasporto pubblico, case famiglia.

Nella speranza che questa piccola esperienza possa contribuire a standardizzare nel più breve tempo possibile le procedure di screening in via di sperimentazione sull’intero territorio regionale – commenta l’assessore Filomena Chiappardo – e proiettate alla diagnosi di sempre più ampie fasce di popolazione, tra cui quelle più deboli. Un particolare grazie, a nome di tutta l’Amministrazione, agli operatori dell’Istituto ed agli infermieri per il grande lavoro effettuato“.

– Paola Federico –

3 Commenti

  1. Gianni de lisa says:

    Complimenti

  2. Ottima iniziativa. Un plauso all’amministrazione padulese.

  3. Per fortuna qualcuno copre l’assoluta inesistenza della comunità montana che dovrebbe coordinare per tutto il vallo … ente inutile e assente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*