Il comparto lattiero caseario rischia un duro contraccolpo a causa dell’emergenza Coronavirus“. Lo afferma la deputata di Forza Italia, Marzia Ferraioli.

Tra i nostri produttori l’allarme è alto, – dichiara – in alcuni territori i caseifici sono sotto organico, ci sono difficoltà nella lavorazione a causa dell’assenza di molti dipendenti e nell’immediato è difficile limitarne la produzione. Il settore rischia di diventare oggetto di speculazione dei grandi produttori che modificano e migliorano le politiche in danno di piccole aziende che finiscono col soccombere. Occorre, poi, che i trasformatori del latte si coordinino nell’utilizzo di solo latte italiano“.

Secondo l’onorevole Ferraioli “la possibilità di produrre prodotti caseari (Grana, Parmigiano e Pecorino Romano) con stagionatura fino a 36 mesi non ci rende schiavi del latte importato. Nel breve periodo è previsto un lieve calo dei consumi, ma col sostegno dell’ intervento dello Stato si potranno produrre formaggi di lunga stagionatura. In questo frangente drammatico, non solamente dal punto di vista sanitario ma anche economico è necessario salvaguardare un settore strategico per il nostro PIL. Questo è quanto si aspettano dal Governo e dal Parlamento tutte le imprese produttrici di latte e latticini per non chiudere battenti e non essere costrette a licenziare. E sarà questa la politica utile a preservare valore e prestigio ai prodotti Made in Italy”.

– Chiara Di Miele –

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*