Il Laboratorio del nosocomio di Polla va urgentemente potenziato. Occorrono personale e strumenti dedicati ai prelievi a mezzo tampone, da estendere all’intera popolazione, e ciò in ragione della vastità di un contagio, che ha indotto le autorità competenti ad isolare buona parte del Vallo del Diano”. Lo chiede Marzia Ferraioli, deputato di Forza Italia, che stigmatizza la scelta del tortuoso percorso che ancora si continua a seguire, quante volte necessitino indagini a mezzo tampone.

Ad oggi – prosegue- i tamponi vengono ritirati da un’autoambulanza che muove dall’ospedale di Nocera Inferiore, raggiunge l’ospedale di Polla, prende in carico i tamponi da analizzare, li consegna all’ospedale di Salerno per le verifiche di rito. Ma, perché sottrarre autonomia proprio all’ospedale più vicino al vasto abitato, dichiarato focolaio di Covid-19 e, dunque, prima ‘zona rossa’ in Campania? L’ospedale di Polla insiste proprio in questa stessa zona e sono anche tanti i piccoli e isolati comuni che fanno capo a Polla. Perché non rendere autonomo il laboratorio di analisi del nosocomio di Polla? È’ corretto non dotare l’ospedale di zona proprio dei reattivi e dei macchinari necessari al controllo tampone? E che senso ha l’inutile andirivieni di una autoambulanza che muove da nord a sud e poi da sud al nord, nel ben mezzo di un focolaio?“.

Siamo in ritardo rispetto al virus e possiamo solo rincorrerlo. Ma si è capito che per raggiungerlo occorre eliminare ogni inutile ostacolo”, conclude.

– Chiara Di Miele –

Un commento

  1. Chè tenessero in considerazione l’Ospedale di Sant’Arsenio-Unica Struttura ! – per farne un unico Centro Covid19,essendo già predisposto per aver avuto i Reparti di Fisiopatologia Respiratoria,Malattie Infettive e la Diagnostica di Laboratorio e Diagnostica per Immagini-Radiologia ! Oltre la sua ubicazione e la logistica territoriale ! E’ QUESTO CHE DEVE FAR CAPIRE A LOR SIGNORI DELL’ASL LA ON.FERRAIOLI !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*