Apportare modifiche o integrazioni al Decreto ‘Cura Italia’ nella misura in cui la moratoria sui prestiti e sulle linee di credito delle piccole e medie imprese venga estesa, al di là della denominazione sociale, anche a tutti i cittadini che hanno scadenze di pagamento riferite a rate di credito al consumo (finanziamenti personali) o effetti cambiari“. E’ la richiesta del sindaco di Santa Marina Giovanni Fortunato avanzata al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte in una lettera.

La richiesta – spiega il sindaco Fortunato – è stata inoltrata in qualità di rappresentante di un territorio che, per posizione geografica e presenza di numero esiguo di attività di sviluppo e di popolazione, riuscirà a fatica a riprendersi dalle sfavorevoli condizioni economiche che si riproporranno in Italia all’indomani della fine dell’emergenza“.

Considerato che i Comuni italiani sono e saranno costretti per tutta la durata della fase emergenziale – continua Fortunato -, a far fronte con proprie risorse all’attivazione di tutte quelle misure preventive (sanificazione dei territori, degli edifici comunali e pubblici, attività di reperimento e distribuzione alla popolazione più debole di materiale sanitario e beni di prima necessità, impiego supplementare di risorse umane per il controllo dei territori,) necessarie al contenimento e contrastato del diffondersi del Covid-19, anche laddove le economie risultino insufficienti, è necessario uno slittamento per tutti i Comuni, con particolare attenzione a quelli di piccola entità, del pagamento dei ratei dei mutui contratti con la Cassa Depositi e Prestiti, onde consentire la gestione emergenziale della spesa pubblica“.

– Paola Federico –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*