Controlli della Polizia nella Piana del Sele.Sequestrata un’auto e rintracciato un marocchino irregolare



































Un’ intensa attività di prevenzione e repressione dei reati è stata effettuata nel corso della settimana dalla Polizia di Stato sull’intero territorio battipagliese e zone limitrofe in collaborazione anche con la Polizia Locale di Eboli come stabilito dal Questore di Salerno Maurizio Ficarra.

Sono stati istituiti posti di controllo sulla Strada Statale 18 e la Strada Provinciale 175/A litoranea.

Nel corso dei controlli sono state identificate 90 persone di cui numerose con precedenti penali. Controllati, inoltre, 26 veicoli e contestate 10 violazioni al Codice della Strada con il sequestro di auto sprovviste di copertura assicurativa e mancate revisioni.








Gli Agenti del Commissariato di Polizia di Stato di Battipaglia hanno proceduto anche al fermo di un’auto, un’Audi A8 del valore di circa 80mila Euro poichè oggetto di rintraccio nel sistema informatizzato di Polizia. Dai successivi accertamenti effettuati, l’auto, sulla quale gravava un provvedimento di confisca definitivo emesso dalla Prefettura di Imperia a causa di alcuni mancati pagamenti di contravvenzioni al Codice della Strada, è stata sequestrata.

Anche sul fronte del contrasto all’immigrazione clandestina, gli Agenti del locale Ufficio Stranieri hanno proceduto al rintraccio di un cittadino marocchino il quale risultava essere entrato nel territorio nel 2016, con permesso di soggiorno temporaneo per lavoro stagionale da tempo scaduto.

Lo straniero, dopo la convalida del provvedimento di espulsione emesso a suo carico dal Giudice, è stato accompagnato presso l’aeroporto di Fiumicino e imbarcato sul volo diretto in Marocco.

Contestualmente, il datore di lavoro è stato segnalato all’Autorità Giudiziaria per il reato di favoreggiamento in quanto ha permesso la permanenza del cittadino straniero in Italia.

L’uomo rischia fino a 4 anni di reclusione e 15mila euro di multa.

– Claudia Monaco –





































Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*