truffa-portaUna truffa insolita quella sventata a Sanza qualche giorno fa. Una donna, dall’accento italiano, con l’ausilio di due complici avrebbe tentato di estorcere denaro a una giovane mamma del posto.

Dopo aver bussato alla porta, la truffatrice avrebbe simulato di essere stata in passato l’amante del compagno della ragazza.

Con voce tonante e con il telefonino alla mano, la donna avrebbe più volte insinuato di essere oggi vittima di messaggi osé mandati dal compagno della giovane di Sanza e che tale gesto stava seriamente compromettendo il suo futuro matrimonio.

Mentre accusava ciò, avrebbe spintonato e minacciato la giovane vittima che, dopo un primo momento di stordimento avrebbe a sua volta reagito mettendo in fuga la truffatrice.

Dopo circa un’ora, ha sentito di nuovo bussare alla porta due persone che con fare autoritario avrebbero detto di essere carabinieri e di aver verbalizzato una denuncia contro la giovane, con percosse e lesioni a danno di una donna. I due avrebbero aggiunto che il tutto poteva essere risolto dietro il pagamento di una somma di denaro.

A tali parole la giovane mamma ha chiamato i carabinieri (quelli veri) che sono giunti sul posto e hanno accertato quanto avvenuto. Subito sono iniziate le ricerche dei tre truffatori che nel frattempo sono scappati.

– Antonio Citera –


 

Un commento

  1. Cart e tre says:

    Qualche itagliano …ha voluto le zingaresche risorse…!!!!!!
    O sindaco che dice?

Rispondi a Cart e tre Cancel

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano