Quarto comizio a Teggiano della lista “Teggiano Europea”, capeggiata da Michele Di Candia. Nella frazione Piedimonte hanno preso la parola Marisa Federico, Marco Marmo, Cono Morello e Maddalena Chirico.

Voglio essere utile a Teggiano e a chi crede in me – sottolinea Federico – La mia candidatura è nata dalla volontà di mettermi a servizio del bene comune.  L’ascolto ed il confronto sono fondamentali e per questo tengo molto al progetto legato ad uno sportello di dialogo tra pubblica amministrazione e cittadino. Non girerò le spalle a nessuno e se mi creerò una sola inimicizia, avrò perso”.

La politica non è dare la colpa agli altri o trovare giustificazioni e scuse – afferma Marmo – E’ chinarsi a lavorare a testa bassa. Saremo pronti ad intercettare i fondi europei. Punteremo sull’agricoltura e sulla filiera corta per far mangiare meglio i nostri bambini ed avere anche un ritorno in termini di occupazione”.

Devo rispondere ad attacchi ed offese personali a me ed alla mia famiglia da parte di Rocco Cimino – evidenzia poi Morello – Gli incarichi a cui fa rifermento rientrano nella normale attività di un commercialista. Ho costruito qualcosa grazie ai sacrifici fatti e non alla politica. In merito al bilancio ed alla tasse, c’era un avanzo di amministrazione, seppur vincolato. Non mi risulta tu abbia dovuto ripianare disavanzi. Non è mai stato nell’intenzione dell’amministrazione Di Candia aumentare le tasse. Cimino, invece, non ci ha pensato su due volte”.

A Teggiano abbiamo 2 nemici, la rassegnazione e l’indifferenza – sottolinea Chirico – In questi giorni, però, li abbiamo visti ritirarsi pian piano. Il turismo può diventare un motore di sviluppo. Due anni fa abbiamo presentato un progetto per la valorizzazione turistica del Vallo. Per realizzarlo e far si che Teggiano sia riconosciuta come meta turistica di eccellenza, è necessario far riferimento ai fondi europei”.

Le conclusioni sono state affidate al candidato a sindaco Di Candia. “Siamo pronti a guidare Teggiano verso nuovi traguardi – afferma – Dall’altra parte c’è chi ha avuto la possibilità di amministrare ma non è stato in grado di gestire il gruppo. Ha distrutto la sua squadra e poi se stesso. Ha fallito e deve farsi da parte. Nei mesi caratterizzati dalla sua amministrazione sono accadute diverse cose. Dalla revoca delle deleghe, alla delibera legata al progetto delle luci natalizie, con progettazione esecutiva affidata ad una professionista, parente di primo grado di un assessore. Successivamente – aggiunge – è stato conferito un incarico ad una ditta il cui titolare è oggi candidato nella sua lista. Ha poi corteggiato un consigliere di minoranza. Teggiano ha perso 2 anni con un sindaco incapace di amministrare. Un vero amministratore non deve piangersi addosso ma assumersi le responsabilità di ciò che eredita”.

– Cono D’Elia –


 

3 Commenti

  1. Sono tutti “braccia tolte All agricoltura…….. “Mi associo ad Angelo andate a zappare che terre ce ne sono pure tante a Teggiano….La gente è stanca di promesse e Bla Bla Bla Bla ……. Chiù pilu Pi tutti!!!

    • CoomenTador says:

      Quanto sciacallaggio gratuito……ma qualcuno vi paga per farlo? La prossima volta voglio vedervi candidati voi invece di fare le pecore da tastiera

  2. Ho 44 anni….. Diciamo che sono un buon 30 anni che ascolto fantonie ad ogni votazione!!!
    Sembra che ogni volta che si voti vogliano cambiare il mondo questi signori……quasi quasi (per come dichiarano e promettono) nessun cittadino debba più preoccuparsi !!!!
    Dopo il 5 giugno io non avrò bisogno più di lavorare tanto in base alle promesse fatte da Cimino&Di Candida………..
    Andate a Zappare ………

Rispondi a Peppe Cancel

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano