tartufo colliano 02Tutto pronto per la 18esima edizione della Mostra mercato nazionale del Tartufo e dei prodotti tipici locali. L’evento che si terrà a Colliano da venerdì 10 e fino a domenica 12 ottobre, vedrà esponenti politici, esperti di enogastronomia, docenti e studiosi provenienti da tutta Italia, confrontarsi e degustare il prezioso tartufo nero.

Il tartufo nero di Colliano nasce nei boschi della verde ed incontaminata Valle del Sele, sui Monti Eremita- Marzano. Grazie alle caratteristiche dell’habitat naturale nel quale cresce e matura, il pregiato tartufo si avvale di riconoscimenti importanti e di una vasta gamma di clienti internazionali. La raccolta avviene da ottobre fino al mese di aprile, periodo nel quale i cercatori di tartufo, assieme a cani appositamente addestrati, iniziano l’attività di ricerca del pregiato fungo. Il cane, grazie al suo potente olfatto, individua nel terreno ad una profondità di circa 20 cm l’esatta ubicazione del tartufo che viene poi scavato con particolare accortezza e appositi attrezzi dal “tartufaro”. La buca, successivamente, viene ricoperta di terreno, passaggio questo, che consente la conservazione della tartufaia.

“Il tartufo di Colliano è il nostro oro nero – spiega il presidente della Pro Loco Colliano, Mauro Iannnarella – venduto, apprezzato e degustato in tutto il mondo”.  Inoltre,grazie all’intenso aroma, è possibile degustare il tartufo nero di Colliano in abbinamento con i prodotti tipici locali D.O.P e D.O.C.G., obiettivo questo che i tanti volontari della Pro Loco si sono prefissati.

programma tartufo collianoUna tre giorni ricca di appuntamenti quella che si svolgerà nella “Città del Tartufo” così come la definisce il sindaco Antonietta Lettieri, all’insegna dell’enogastronomia, della cultura e del divertimento. Le serate, inoltre, saranno allietate da musica, artigianato e laboratori enogastronomici curati dagli studenti dell’I.T.I.S. “Assteas” di San Gregorio Magno e dell’Istituto Alberghiero “E.Corbino” di Contursi Terme.

– Mariateresa Conte –


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*