Colliano: Gli lasciano una garza nel ginocchio. Paziente denuncia clinica



































Si sottopone ad un intervento chirurgico al ginocchio, tutto sembra essere andato per il verso giusto ma, a distanza di quattro mesi, l’amara sorpresa: una fistolografia rivela una “immagine radiografica filiforme, compatibile con repere di garza chirurgica”.

È la storia di Roberto Cavallo, originario di Colliano, che ha querelato e richiesto il risarcimento danni ad una nota clinica del Salernitano dove si era ricoverato nel giugno scorso e, dove si era sottoposto ad intervento chirurgico di tenorrafia con trasposizione del sartorio del ginocchio sinistro, a seguito di lesione dei tendini quadricipitali. Dopo otto giorni, il paziente lasciava la clinica munito di foglio di dimissioni in cui veniva precisato che la ferita si presentava “asciutta ed in buone condizioni”. Tuttavia, il decorso postoperatorio non era dei migliori: la presenza di dolori e di abbondante secrezione dalla fistola, nonostante la terapia antibiotica, non dava pace al paziente, che lamentava gonfiore al ginocchio e difficoltà di movimento. Di qui il sottoporsi, per ben quattro mesi, a continue visite di controllo e medicazioni presso gli stessi sanitari che gli avevano praticato l’intervento. Nessun accenno da parte degli stessi, a prescrizioni di indagini più approfondite che potessero riscontrare quanto di anomalo fosse accaduto in quel ginocchio.

Unica giustificazione dei medici, alla persistente secrezione, il riassorbimento dei punti di sutura. Il paziente, però, non convinto e, su indicazione dei medici Inail, si sottoponeva a fistolografia del ginocchio sofferente, presso l’ospedale di Eboli, che evidenziava il corpo estraneo. Immediata la decisione di recarsi presso l’Azienda ospedaliera della Salute e della Scienza di Torino, dove in ottobre gli è stata rimossa la garza dimenticata dall’equipe medica della clinica, con postumi ancora in via di stabilizzazione. Il non essersi accorti della presenza della garza sottocutanea e dell’importante infezione che aveva colpito Cavallo, ha procurato ai medici una denuncia alla Procura.







– Fonte: LaCittàdiSalerno –


 



































Commenti chiusi