Il presepe nel barcone dei migranti allestito a Padula in occasione della XXV edizione di “Presepi in mostra”, a cura dell’Associazione Amici del Presepio – Sezione Pietro Gallo, nelle ultime ore ha fatto montare una polemica dai toni forti.

“Gesù Bambino è nato in una mangiatoia sotto ad una capanna. E non su una barca di migranti. Basta mistificare le nostre tradizioni soprattutto in vista del Natale” ha duramente dichiarato il Questore della Camera e parlamentare di Fratelli d’Italia, Edmondo Cirielli.

Non è tardata ad arrivare la replica del Vescovo della Diocesi di Teggiano-Policastro, S.E. Mons. Antonio De Luca, secondo cui l’affermazione del parlamentare salernitano è connotata da “una chiara vena populista, polemica e pretestuosa“.

Non si è ancora compreso – aggiunge Monsignor De Luca – che o mangiatoia o barcone o altro luogo se Gesù non nasce nel nostro cuore, mai sarà veramente Natale“.

Cirielli si chiede che tipo di messaggio possa partire da un presepe che raffigura Gesù Bambino nero, venuto alla luce sul barcone, sempre più spesso simbolo dei lunghi viaggi della speranza per migliaia di migranti. “Che l’Italia deve essere invasa da migliaia e migliaia di clandestini per lo più islamici e far pensare che anche Gesù fosse un immigrato? – domanda il deputato esponente del partito di Giorgia Meloni – Siamo alla follia”.

In merito alla vicenda si è espresso anche don Giuseppe Radesca, Vicario Generale della Diocesi e parroco di Padula. “Il valore del presepe va anche nel verso dell’accoglienza – ha dichiarato -. La comunità della nostra Diocesi fa realmente accoglienza, non chiacchiere o speculazione. Questa comunità non fa mistificazioni, qui non si mistifica il Vangelo, come è stato al contrario sostenuto. Chi vuole mettere il becco in questioni lontane da lui, parli con i suoi referenti e chieda che gente vive in questi territori“.

– Chiara Di Miele –


  • Articolo correlato:

9/12/2019 – A Padula presepe su una barca di migranti, scoppia la polemica. Cirielli:”Gesù è nato in una mangiatoia”

10/12/2019 -Presepe con migranti a Padula. L’Associazione “Amici del Presepio” a Cirielli:”Visione politica”

3 Commenti

  1. Franco Iorio says:

    Nulla da aggiungere a quanto S. E. il Vescovo De Luca, dall’alto dell’apostolico seggio, ha inteso portare nel polverone alzato dalle dichiarazione del deputato di “fratelli d’Italia, Edmondo Cirielli. “Basta mistificare le nostre tradizioni” dice Cirielli, Gesù non può nascere quest’anno su una barca di immigrati. L’ex capitano usa il verbo Mistificare per significare “trarre in inganno (la gente) abusando della sua credulità”. Ma le gente non è poi credulona come pensa il Cirielli. Intanto il ricordo va al suo fervoroso impegno per quella legge 5 dicembre 2005, n. 251 recante “Modifiche al codice penale e alla legge 26 luglio 1975, n.354, in materia di attenuanti generiche, di recidiva, di giudizio di comparazione delle circostanze di reato per i recidivi, di usura e di prescrizione”. Fatta per chi? Ma per il Cavaliere in Arcore. E’ vero che poi la disconobbe, ma nel mentre era servita. Eccome se era servita. Lui, il deputato Cirielli, era un “mistificatore” all’epoca? E oggi, tenuto conto del suo attivismo (elezioni in vista?) e anche dei suoi trascorsi, gli interessa per caso quel che si dice del suo partito “Fratelli d’Italia”? Inchieste giornalistiche che parlano di “relazioni pericolose” e di “lobby” che girano intorno “tra finanziamenti e fondazioni”? E’ forse il lato nascosto del partito nel quale è esponente di spicco? Ecco una bella piattaforma da commentare. Altro che “patriottismo nel cuore” e Natale sulla barca dei migranti!

  2. Lombardi Pasquale says:

    La risposta, al perché sempre meno gente frequenta le chiese
    Avete perso il lume della ragione e sarebbe la chiesa a non far politica
    Gli italiani possono pure morire di fame
    Il vostro unico interesse sono gli immigrati
    Aiutiamoli a, casa, loro perché una volta accolti quanti siete riusciti ad inserire nei luoghi di lavoro o socializzare
    Debbono inevitabilmente delinquere e le percentuali di detenuti lo dimostrano
    È come se a casa mia con 3 vani disponibili vorrei ospitare 30 persone può andare bene per un mese poi inevitabilmente la situazione esplode
    Ipocriti

  3. La Madonna di Viggiano è negra come anche il suo Gesù, ma valorizzare e acclamare così tanto l’immigrazione, è una mancanza di rispetto all’italia. Noi siamo cristiani e vogliamo un presepe che valorizzi i veri criteri cristiani, non che valorizzi “principalmente e assolutamente” immigrati negri. Sua Eminenza guardi principalmente la nostra comunità e lasci arretrare un pò immigrazione e clandestini. Se parla tanto e quasi solo di immigrati a Natale, perchè non li accoglie nella dimora e gli dia tutto il necessario, senza sottolineare agli italiani che “DOBBIAMO” quasi adattarci alle usanze degli immigrati. Insomma vogliamo capire che clandestini e immigrati DEVONO adattarsi a noi e non viceversa!!!!!!

Rispondi a annamaria Cancel

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*