La Cilentana può riaprire. L’annuncio –  come si legge sul quotidiano La Città di Salerno –  arriva da Palazzo Sant’Agostino dopo che le prove di carico hanno dato ieri esito positivo riscontrando che il viadotto della Provinciale 430, chiuso a seguito del cedimento di due piloni il 27 gennaio scorso, è capace di reggere la grossa mole di veicoli che giornalmente percorrono la più importante arteria di collegamento tra alto e basso Cilento. Hanno dato quindi i risultati sperati gli interventi operati dalla Provincia sul viadotto, che aveva subìto una roto-traslazione con un abbassamento, lato monte, di oltre un metro. La struttura è stata bloccata, nonostante il movimento franoso sia ancora in atto, con tratti di palificate ed è stata garantita la stabilità delle travi di appoggio.

L’intera area è sottoposta e lo sarà anche per il futuro, ad un continuo monitoraggio per la verifica dei movimenti del terreno e della sicurezza del viadotto stesso. Il progetto di ricostruzione della struttura, intanto, a breve sarà trasmesso alla Regione per il finanziamento, che prevede una spesa di circa 6 milioni di euro. L’attività sviluppata dalla Provincia in questi mesi ha consentito di progettare ed eseguire tutti gli interventi preparatori, approvati dal Provveditorato Opere pubbliche di Napoli. Nei prossimi giorni la Provincia dovrà provvedere a predisporre tutta la segnaletica stradale, organizzare l’ordine pubblico con polizia e vigili urbani e probabilmente installare sul tratto anche la pubblica illuminazione.

A meno di clamorose evoluzioni negative della vicenda, quindi, l’ente guidato dal presidente Antonio Iannone, potrebbe rendere nuovamente fruibile il tratto tra Agropoli sud e Prignano Cilento, interdetto da oltre cinque mesi, per il prossimo weekend.

redazione


  •  Articolo correlato

27/01/2014- Viabilità: Cede un pilone tra Prignano Cilento e Agropoli. Chiusa la strada “Cilentana”


 

Commenti chiusi