Il Prefetto di Salerno, Francesco Russo, ha presieduto stamani, presso il Palazzo del Governo, una riunione per l’esame delle criticità che si stanno verificando sulla S.S. 18 var “Cilentana“, nel territorio del comune di Agropoli, dove da alcuni giorni, all’altezza del Km 104+500 in direzione Salerno, si circola a senso unico alternato regolato da impianto semaforico.

Ciò a seguito del restringimento di carreggiata disposto da ANAS, quale ente proprietario della strada, al fine di dare esecuzione ad un’ordinanza contingibile e urgente adottata dal sindaco di Agropoli per tutelare la sicurezza della circolazione, messa a rischio dalla presenza di un muro di sostegno in cemento armato, prospiciente alla carreggiata nord, in condizioni di pericolosità, che, in caso di crollo, potrebbe coinvolgere i veicoli in transito.

Il provvedimento sindacale, motivato dalla tutela della pubblica e privata incolumità, sta comportando notevoli disagi alla circolazione su una delle principali arterie stradali della provincia, percorsa quotidianamente da diverse centinaia di pendolari e, in questo periodo dell’anno di “alta stagione” turistica, anche dai flussi di vacanzieri diretti verso le località del Cilento. Una situazione che finisce per interessare anche il centro urbano di Agropoli, dove gli automobilisti si riversano percorrendo le strade alternative alla Statale 18.

Il Prefetto Russo ha voluto, pertanto, fare un punto di situazione coinvolgendo gli Enti direttamente interessati – presente il sindaco di Agropoli Adamo Coppola e il Responsabile della Struttura Territoriale ANAS Nicola Montesano – e allargando il “tavolo” alla partecipazione del Presidente della IV Commissione Regionale Trasporti Luca Cascone, del sindaco di Pollica Stefano Pisani in rappresentanza di ANCI Campania e del Dirigente della Viabilità della Provincia Domenico Ranesi, per cercare di individuare congiuntamente una soluzione in grado di soddisfare le esigenze di tutela della pubblica e privata incolumità con quelle, altrettanto degne di considerazione, di fluidità della circolazione, congestionata soprattutto nei weekend.

Dai contributi è emersa la necessità di intervenire nel più breve tempo possibile per la messa in sicurezza del muro pericolante, in relazione alla quale l’ANAS si è dichiarata disponibile a realizzare sin da subito un progetto. Nelle more, occorrerà monitorare costantemente l’area, per verificare la presenza di eventuali cedimenti o movimenti del muro. A tali condizioni, il Comune di Agropoli potrà riesaminare la propria ordinanza, consentendo la riapertura della circolazione in entrambi i sensi di marcia.

Tutti questi aspetti saranno oggetto di immediata verifica nel corso di un sopralluogo congiunto tra ANAS e Comune, che si terrà subito dopo la riunione del “tavolo” in Prefettura.

Tale proposta, ampiamente condivisa dai presenti, è stata particolarmente apprezzata dal Prefetto quale esempio di collaborazione inter-istituzionale, in cui tutti i soggetti interessati hanno operato per individuare in tempi rapidi una soluzione che consenta di salvaguardare l’esigenza della sicurezza senza gravare sulla vivibilità della popolazione residente e sul comparto turistico-alberghiero del Cilento, già messo a dura prova dal Covid-19, che costituisce un asset strategico prioritario per la ripartenza di tutta la provincia di Salerno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*