Il sindaco di Battipaglia, Cecilia Francese, si è incatenata questa mattina davanti all’ospedale cittadino nel corso di un estremo ed eclatante atto di dimostranza a tutela e rispetto dei concittadini nei confronti della Direzione aziendale e sanitaria del presidio che, nonostante ripetuti inviti e solleciti ad intervenire sui tanti problemi dell’ospedale acuitisi con l’emergenza pandemica, continua, secondo il primo cittadino, ad essere latitante.

In questa circostanza – spiega la Francese – non posso non denunciare il grave disagio e il profondo malessere che registro nella mia posizione istituzionale di rappresentante della sanità di questo territorio, avvalorata dal fatto che essendo medico interpreto con maggiore significato la sofferenza di utenti e del personale che così come nel resto del Paese soffre in prima battuta il tragico momento. Ho invitato il Direttore Generale a visitare il presidio battipagliese sin dal suo insediamento al vertice aziendale per fargli toccare con mano la nostra realtà che nonostante un personale ridotto ai minimi termini continua a garantire prestazioni in urgenza e programmate, affrontando anche i casi sospetti per Covid. Parlo di più di 30 tra infermieri e OSS collocati in pensione e non sostituiti nell’ultimo anno, parlo di infermieri di sala operatoria costretti a turni massacranti per garantire cinque sale operatorie su due piani, parlo di infermieri di pronto soccorso costretti ad assistere molti pazienti in attesa di tampone per poter accedere al ricovero oltre al naturale compito dell’urgenza. E tutto questo si potrebbe evitare se solo la Direzione generale autorizzasse l’esecuzione di tamponi molecolari rapidi anche presso il nostro presidio, come già avviene in tutti gli ospedali maggiori e non della ASL. E parlo anche di un personale medico sfinito dalla necessità di garantire livelli adeguati di assistenza dovendo coprire i turni dei tanti colleghi collocati in quiescenza“.

Ad esempio, come spiega il sindaco di Battipaglia, il Settore Materno-Infantile e la Terapia neonatale garantiscono le urgenze legate alla gravidanza e al nascituro, unico baluardo nel territorio della Piana del Sele. Ma questi sono solo alcuni punti critici che la Francese avrebbe rappresentare da vicino al Direttore generale, “ma sembra che questo territorio non interessi più di tanto al vertice sanitario di via Nizza e perciò esprimo la mia più vibrante protesta raccolta anche dal personale tutto e dalle organizzazioni sindacali che rappresentano, che proseguirà in ogni forma e modo per ottenere ciò che questa popolazione merita e per sostenere tutti gli operatori sanitari che continuano a garantire nonostante tutto un’ottima sanità“.

Chiediamo pertanto che la Direzione aziendale fissi in via di massima urgenza la sua venuta presso la struttura ospedaliera di Battipaglia per incontrare de visu i livelli istituzionali locali e i rappresentanti dei medici e del personale ospedaliero, per affrontare i problemi sollevati e le relative soluzioni. In mancanza la protesta continuerà e la porteremo fini ai vertici regionali!” conclude la Francese.

– Chiara Di Miele –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.