“Promessa mantenuta. Così come preannunciato durante il Consiglio comunale monotematico relativo alla riapertura del Carcere di Sala Consilina, abbiamo investito della problematica anche il ministro Teresa Bellanova“.

A dichiararlo è il gruppo consiliare “Salesi”. Venerdì scorso, infatti, durante la cerimonia di inaugurazione della nuova aula consiliare di Sassano, il capogruppo Domenico Cartolano ha consegnato nelle mani del ministro il deliberato del Consiglio comunale con gli spunti e le iniziative nate dalla discussione insieme agli intervenuti.

“Mi è sembrato doveroso tentare anche questa strada – ha affermato Cartolanoanche perché la Bellanova si è dimostrata molto disponibile e sensibile alle esigenze della nostra comunità. Ho fatto presente che non si tratta di una situazione che riguarda solo Sala Consilina o il Vallo di Diano, ma un lembo molto ampio della provincia di Salerno e, attualmente, anche della Basilicata. La speranza è che con un’azione congiunta dei parlamentari intervenuti al Consiglio e del ministro Bellanova si riesca a intervenire sul ministro Bonafede“.

– Claudia Monaco –

2 Commenti

  1. Pasquale says:

    Si ricorderà dove avrà abbandonato la busta?
    Chi lo ha chiuso appartiene alla stessa parrocchia
    Ancora sognate ad occhi aperti
    Sicuramente sarebbe stato più efficace averla consegnata a Brumotti

    • annamaria says:

      Ottimo commento. La Bellanova pensasse di togliere tutti quei diritti agli immigrati ed evitasse di occuparsi anche di questioni che non sono di sua competenza, ma del Ministro della Giustizia. Anche Cartolano evitasse di illudere la città di Sala Consilina, circa il carcere, che finirà come … la ferrovia.Quietatevi e pensate al bene con servizi utili ai cittadini, non illusioni

Rispondi a annamaria Cancel

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano