Con un esposto di oggi indirizzato al Responsabile dell’Ufficio Tecnico del Comune di Ottati, al Sindaco del Comune di Ottati, al Segretario del Comune di Ottati, al Prefetto di Salerno, alla Procura della Repubblica di Salerno, alla Guardia di Finanza di Salerno, alla Guardia di Finanza di Sala Consilina, al Comando dei Carabinieri di Sant’Angelo a Fasanella, al Comando dei Carabinieri di Aquara e all’Ispettorato del Lavoro, un cittadino, Ettore Perrotta, chiede chiarimenti in merito alla presenza di un cantiere edile.

L’uomo è residente in località Piedi La Torre ad Ottati insieme alla zia, una 94enne disabile e con evidenti difficoltà motorie.

“Nei giorni scorsi – si legge nell’esposto – nei pressi della mia abitazione è stato allestito un cantiere edile pare per lavori di ristrutturazione. Pian piano i ponteggi e gli ingombri del cantiere hanno invaso anche gli accessi per giungere alla mia abitazione. Di tale situazione e dei disagi causati al sottoscritto ed ai membri della mia famiglia ne ho portato immediatamente a conoscenza il Sindaco Elio Guadagno, il quale mi rispondeva di contro che ‘il cantiere era regolare’. Preoccupato per le condizioni di salute di mia zia, nella notte tra il 21 ed il 22 luglio ho comunicato al Comune di Ottati (Sindaco) che avrei parcheggiato la vettura nei pressi delle vicinanze della mia abitazione. Di contro, stamattina, mi sono visto recapitare i Carabinieri a casa per il ritiro ed il sequestro dell’auto. Gli automezzi e le attrezzature impegnate nel cantiere sono anche di proprietà della ditta MESAC SRL (di cui, a titolo informativo, ne è proprietario anche il Sindaco Elio Guadagno – socio al 50%)”.

Perrotta per questo motivo ha chiesto a tutte le autorità destinatarie dell’esposto una verifica della regolarità del cantiere di Via Piedi La Torre, della corretta messa in sicurezza del cantiere nonché della regolarità della presenza di tutte le imprese lavoratrici sul cantiere, di tutti i dipendenti, dei mezzi e delle attrezzature impegnate.

– Claudia Monaco –

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*