Continuano senza sosta i controlli da parte degli uomini del Corpo Forestale dello Stato, diretti dal Vice Questore Aggiunto Fernando Sileo, finalizzati alla salvaguardia e alla tutela delle bellezze naturali. Denunciati dal Corpo Forestale dello Stato G.R. e M.G., responsabili di invasione ed occupazione di suolo demaniale pubblico e modifica dello stato dei luoghi nel comune di Camerota in località “Mingardo”.

L’operazione è scattata a seguito di segnalazione pervenuta alla Centrale Operativa 1515 del Corpo Forestale dello Stato di Napoli. Il Comando Stazione Forestale di San Giovanni a Piro, ricevuta la segnalazione, ha successivamente individuato un’area al cui interno si trovavano alcuni materiali, tra i quali terre e rocce da scavo, compattati sull’argine del fiume. Da ulteriori  indagini, è stato accertato che il materiale depositato  era stato compattato sull’argine del fiume e nel demanio fluviale in assenza di autorizzazioni e nulla-osta da parte degli Enti preposti. Accertato l’abuso, le Giubbe Verdi hanno denunciato alla competente Autorità Giudiziaria di Vallo della Lucania i due trasgressori, i quali dovranno rispondere per i reati di modifica e alterazione dei luoghi ed occupazione abusiva di demanio pubblico fluviale.

– redazione –


 

Commenti chiusi