La pesante sanzione inflitta dalla giustizia sportiva del Comitato regionale della Campania nei confronti dello Sporting Sala Consilina, dopo la gara del Campionato di seconda categoria con il Certosa Padula, non lascia indifferenti i dirigenti del club salese e in particolare il suo presidente Antonio Detta, che non ci sta a subire passivamente la sentenza emessa con cui si finisce penalizza in modo eccessivo il suo sodalizio (partita persa a tavolino 0-3;  500 euro di ammenda; 2 anni di squalifica al calciatore Tommasiello; 6 giornate ad altri due calciatori, Garofalo e Iuliano; un mese di squalifica per l’allenatore Tonti e per il dirigente Melillo).

Un vero e proprio bollettino di guerra che lascerebbe presagire una vera battaglia, ma a giudicare anche dai commenti raccolti con i calciatori avversari e con i tifosi presenti nello stadio padulese così non è stato e per questo motivo il massimo dirigente dello Sporting Sala Consilina non intende fermarsi e annuncia battaglia in tutte le sedi:“ Cercherò di smontare punto su punto tutte le falsità dichiarate da questo presunto direttore di gara”.

Insomma, una storia destinata a proseguire e i cui sviluppi lasciano presagire scenari imprevedibili.

– Gerardo Lobosco – 


  •  Articolo correlato

10/11/2014 – Calcio: sospeso il derby Padula-Sporting Sala Consilina. Scritta una brutta pagina per il calcio valdianese


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*