Ho richiesto all’assessore regionale Nicola Caputo di prendere in considerazione, se consentito dalle vigenti leggi in materia e non appena il rischio epidemiologico lo permetta, la proroga dei periodi di caccia”.

A dichiararlo è il consigliere regionale Attilio Pierro, componente della Commissione Agricoltura, Caccia e Pesca della Regione Campania.

La richiesta giunge al fine direcuperare le giornate di caccia non fruite a causa del blocco dovuto al Covid”.

“È cosa nota – continua Pierro – che a seguito delle limitazioni introdotte dal DPCM del 3 Novembre e la conseguente classificazione della Campania tra le zone rosse è scaturita  l’impossibilità di praticare, da parte di migliaia di appassionati, la pratica venatoria. È quanto mai indubbio il disagio e l’equivoco nei confronti dei numerosi cacciatori che per poter praticare la loro passione versano anche a favore della Regione Campania importanti somme di denaro”

“Qualora la richiesta non possa essere soddisfatta – conclude – si rende a mio avviso necessaria la diminuzione dell’importo della tassa regionale valida per l’annata venatoria 2021/2022″.

– Claudia Monaco –

 

 

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano