Per la quinta volta in poche settimane, il Vallo di Diano piange una giovane vittima della strada. La morte del 27enne Giuseppe Guercio, autotrasportatore residente a Buonabitacolo, ha sconvolto l’intera comunità. Giuseppe ha perso la vita ieri sera insieme ad un suo collega di lavoro, il 22enne di Maratea Mattia Caso.

I due giovani camionisti sono morti sull’autostrada Salerno – Reggio Calabria a bordo di un camion, nel tratto compreso fra gli svincoli di Contursi Terme e Sicignano degli Alburni, al chilometro 50 in direzione sud. Giuseppe Guercio era alla guida del camion e con lui viaggiava Mattia Caso. Secondo una prima ricostruzione, i due giovani si sono trovati all’improvviso davanti un mezzo fermo in avaria e non sono riusciti ad evitare il violento impatto. L’autocarro è finito schiacciato dietro l’altro mezzo e la cabina si è trasformata in un ammasso di lamiere. Per i due ragazzi non c’è stato nulla da fare, sono morti entrambi sul colpo.

I Vigili del fuoco hanno dovuto lavorare a lungo e utilizzare le cesoie meccaniche per estrarre i due corpi; inizialmente era stato individuato un solo cadavere e c’è voluta quasi un’altra ora per accertarsi della presenza tra le lamiere anche del secondo corpo privo di vita. Per i soccorsi sul posto sono giunte le ambulanze della Croce Rossa di Oliveto Citra e di Palomonte e dell’Humanitas di Campagna, i Vigili del fuoco del distaccamento di Eboli e gli agenti della Polizia stradale della sottosezione di Eboli. Le salme dei due giovani sono state trasferite all’obitorio di Oliveto Citra, il magistrato di turno dovrà ora decidere se sarà necessario o meno far effettuare l’autopsia. “Questa sera – sono state le parole pubblicate su Facebook dal primo cittadino di Buonabitacolo Elia Rinaldi è calato il silenzio sulla nostra piccola comunità buonabitacolese. incidente a3 sicignanoUn giovane e stimato concittadino ha perso la vita sul lavoro. Siamo ancora tutti increduli e scossi per questa tragica dipartita. Le immagini dell’incidente avvenuto sull’autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria fanno rabbrividire. Il mio pensiero, in questo momento, va a Giuseppe e al suo compagno di viaggio Mattia, che hanno perso la vita nel drammatico incidente, nonché alle loro famiglie”.

Giuseppe era figlio di Salvatore, titolare della ditta omonima di autostrasporti, amava questo lavoro ed era un esperto autista. Era molto conosciuto a Buonabitacolo dove tutti lo ricordano come un ragazzo d’oro e un grande lavoratore. Mattia Caso, invece, da circa un mese affiancava Giuseppe durante i viaggi con lo scopo di “imparare” il mestiere. Una tragedia che arriva a due settimane di distanza da quella che ha profondamente ferito un’altra comunità, quella di Teggiano, con la morte di due ragazzi in un incidente avvenuto mentre stavano rientrando a casa dopo un serata trascorsa con gli amici.

– Erminio Cioffi –


  • Articolo correlato

09/07/2014 – Tragedia sull’A3. Morti due giovani. Uno è di Buonabitacolo


 

Commenti chiusi