tribunale-potenza-586x257Si terrà il prossimo 25 febbraio alle ore 9:30 presso la Corte di Assise di Appello di Potenza la prima udienza del processo di secondo grado a carico del Maresciallo dei Carabinieri Giovanni Cunsolo, accusato ed assolto in primo grado “perchè il fatto non sussiste” dell’omicidio preterintenzionale di Massimo Casalnuovo, il ragazzo 22enne deceduto la sera del 20 Agosto del 2011 a Buonabitacolo in seguito ai traumi riportati dopo l’impatto con un muretto avvenuto dopo non essersi fermato all’alt dei Carabinieri ad un posto di controllo.

La sentenza di assoluzione è arrivata il 5 luglio del 2013. Per il PM il maresciallo avrebbe deliberatamente voluto operare una lesione nei confronti di Casalnuovo e questo comportamento avrebbe provocato la morte del ragazzo. Il PM aveva chiesto la condanna a 9 anni e 4 mesi di reclusione. L’avvocato Renivaldo Lagreca, difensore di Cunsolo, nella sua arringa durata circa tre ore aveva ripercorso tutte le fasi delle indagini evidenziando tutti quegli elementi probatori a favore del suo assistito. La sentenza era arrivata dopo una camera di consiglio durata quasi sette ore.

Nelle 57 pagine delle motivazioni della sentenza di primo grado il giudice Enrichetta Cioffi ripercorre nei minimi dettagli tutta la fase investigativa smontando, sulla base degli elementi raccolti, l’accusa principale mossa nei confronti del maresciallo Cunsolo, ossia quella di aver sferrato un calcio al ciclomotore condotto da Massimo Casalnuovo. La dottoressa Cioffi esclude che il maresciallo Cunsolo possa aver dato un calcio al ciclomotore. A tal proposito parla di “incongruenze di assoluta evidenza” perchè “il Cunsolo – si legge nelle motivazioni – secondo le ipotesi di accusa e come emerso dalle dichiarazioni di un solo testimone avrebbe sferrato il calcio con il piede sinistro; il referto medico a nome del Cunsolo parla di “trauma contusivo caviglia sinistra” e sulla scocca del motorino non sono state trovate tracce del materiale gommoso delle scarpe indossate dall’imputato”.

– Erminio Cioffi –


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*