Il Commissario del Comune di Sant’Arsenio, Ada Ferrara, ha ufficialmente avviato la procedura per l’annullamento d’ufficio e in autotutela della delibera di Giunta del novembre del 2016 e degli atti correlati relativamente al progetto dell’impianto di digestione anaerobica per la produzione di biometano che si dovrebbe realizzare in località Fosso del Mulino a Sant’Arsenio.

Si tratta di un importante risultato ottenuto dal Comitato No Biometano di Sant’Arsenio che in questi mesi sta portando avanti una dura battaglia, anche legale, contro la realizzazione dell’impianto nel territorio comunale. Lo stesso comitato aveva invitato il Commissario Ferrara ad annullare gli atti in autotutela nel gennaio scorso.

Importanti anche i pareri espressi contro la realizzazione dell’impianto dai Consigli comunali di numerosi paesi del Vallo di Diano, dal Consiglio Direttivo del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano ed Alburni e dalla Conferenza dei Sindaci della Comunità Montana Vallo di Diano.

Il Comitato fa sapere che “continua la sua battaglia contro la realizzazione dell’impianto e ringrazia il Commissario Ferrara per questo importante atto con il quale si fa un passo in avanti importante per fermare la realizzazione di un’opera non condivisa dalla comunità santarsenese“.

– Chiara Di Miele –


  • Articoli correlati:

14/3/2017 – Biometano a Sant’Arsenio. Le osservazioni di Comitato, Parco e Comunità Montana alla Regione

23/12/2016 – Impianto biometano a Sant’Arsenio. Intervengono i sindaci del Vallo di Diano

2/12/2016 – Impianto biometano a Sant’Arsenio. Al via la costituzione del Comitato che si oppone

Un commento

  1. Franco Iorio says:

    Commentai in proposito e suggerii di insistere per l’adozione di atti in autotutela finalizzati all’annullamento delle deliberazioni autorizzative del progetto dell’impianto, a mio avviso palesemente illegittimi. Conoscendo peraltro la pregevole professionalità e l’alta preparazione anche in materia della Dr.ssa Ada Ferrara, non c’erano dubbi sull’esito conclusivo dell’iter valutativo della documentazione. Che è stata ponderata e attenta, su questo non v’è dubbio. Non rimane che complimentarci con la Dr.ssa Ferrara per l’obiettività, l’equilibrio e la scrupolosità del suo alto ufficio. Fosse possibile, votiamola anche come Sindaco e rimane con noi per altri cinque anni!

Rispondi a Franco Iorio Cancel

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*