Biliardo 1Una stecca, tre palle, cinque birilli, tanta concentrazione, studio e talento. Sono questi gli ingredienti che sono alla base del successo dei giocatori di biliardo. E la provincia di Salerno non è stata affatto avara nello sfornare professionisti del biliardo.In tutto infatti i giocatori di “serie A” sono 8, un numero importante se si pensa che i professionisti in tutta Italia sono 72.

Michele Gatta di Eboli a soli 26 anni è il più giovane giocatore professionista di biliardo della provincia di Salerno. Una passione nata quando era adolescente e che dal 2004 lo ha visto iniziare l’attività agonistica e a scalare le classifiche delle varie categorie fino a guadagnarsi in titolo di professionista approdando nella categoria “Nazionali” che insieme a quella dei “Nazionali Pro” raggruppa tutti i professionisti di quello che a “torto” viene considerato uno sport minore.

Oltre a Michele Gatta ci sono Giuseppe Abbruzzese di Montecorvino Rovella e Damiano Zero di Eboli, Giuseppe e Vincenzo Consagno, rispettivamente padre e figlio di Nocera e Gerardo Mascolo, Luigi Sicignano e Giacomo Benevento di Angri.

Giuseppe Consagno biliardo 2Molti dei professionisti salernitani hanno fatto della propria passione anche un lavoro con lo scopo di far avvicinare quante più persone possibile a questo sport aprendo dei Centri Sportivi Biliardistici che in parole povere sono delle “palestre” dove potersi allenare o imparare a giocare. “Ho iniziato l’attività agonistica nel 2004 – racconta Michele Gatta – frequentando i centri sportivi biliari distici affiliati alla FIBIS (Federazione Italiana Biliardo Sportivo) e nel 2009 ho aperto un mio centro sportivo, “Lo spaccone”, ad Eboli”. Per diventare professionisti sono necessari anni di impegno e di gare, Si parte dalla terza categoria per poi passare alla seconda e alla prima, c’è quindi l’accesso nei “master” e poi si aprono le porte del professionismo con i “nazionali” e “nazionali pro”.

In provincia di Salerno, l’unico “Nazionale Pro” è il veterano Giuseppe Consagno, che a 60 anni è anche il più titolato. “E’ un gioco dove non incide l’età – ha spiegato Peppe Consagno  – e la prova di ciò sta nel fatto che c’è un professionista argentiuno che si chiama Nenè Gomez ed è un Nazionale Professionista. Oltre all’attitudine e all’allenamento però è molto importante la concentrazione, la calma e lo studio della geometria del biliardo”.

Frequentando i centri sportivi biliardistici come quello di Gatta, di Consagno o di Mascolo, dove ci sono giocatori di un certo spessore, è più facile imparare. Il principale torneo nazionale è il BTP (Biliard Tour Pro) e si gioca all’italiana ossia con i 5 birilli. Dal 13 al 22 febbraio 2015 una tappa del BTP  si terrà a Battipaglia in via Spineta presso il Residence Ro. Do. Pa.

Erminio Cioffi  


  Giuseppe Consagno 2 biliardo 3  Michele Gatta 1


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*