La sesta tappa del Giro d’Italia toccherà comunque  il comune di Auletta. A meno di dieci giorni dall’evento, che prenderà il via da Sassano e vedrà coinvolti diversi centri del Vallo di Diano, è arrivata la notizia ufficiale.

La carovana rosa, dopo aver proseguito per Sala Consilina, Atena Lucana e Polla procederà ancora per la ex SS 19 ter, toccando Mattina di Caggiano, Mattina di Auletta, Buccino e Sicignano. La questione aveva tenuto col fiato sospeso gli abitanti del Vallo di Diano e del Tanagro. Originariamente il Giro d’Italia avrebbe dovuto fare un altro percorso, procedendo per la vecchia SS 19. La strada, tuttavia, era stata nel mese di gennaio interessata da un grave smottamento. Da allora l’arteria è interdetta al traffico con notevoli disagi per gli abitanti della zona. Il comune di Auletta rischiava, dunque, di rimanere escluso da quella che rappresenta un’importante vetrina turistica per il territorio. Insomma, oltre al danno anche la beffa. Diverse le ipotesi che in questi giorni erano state prese in considerazione. Tra queste la più attendibile riguardava una deviazione del percorso a Polla, dove i ciclisti avrebbero dovuto attraversare il centro abitato e proseguire lungo la Polla-Petina. Un tragitto, tuttavia, che avrebbe allungato notevolmente la tappa, non ottemperando alle disposizioni nazionali del Giro. Oggi, poi, la conferma ufficiale giunta dal Sindaco di Sassano Tommaso Pellegrino: Auletta non resterà esclusa.

Un’occasione che ben si sposa con  la valorizzazione territoriale e che mira a coinvolgere il maggior numero di comuni. Seppur deviata, difatti,  la sesta tappa della 97esima edizione del Giro d’Italia non escluderà nessun centro valdianese o tanagrino originariamente coinvolto.

 – Annachiara Di Flora –


 

Commenti chiusi