Ritorna “Un libro al mese” domani, sabato 11 luglio, all’Auditorium “A. Cirillo” di Atena Lucana Scalo con la presentazione dal vivo, nel rispetto delle misure anti Covid, del saggio “Prime prove di Democrazia nel Salernitano” scritto da Giuseppe Aromando, Francesco Vannata, Antonio Cardinale e Regaliano Tommasoni.

Ciascuno degli autori, da angolature diverse, ha analizzato la situazione del Vallo di Diano pre e post 8 settembre 1943. Un avvincente percorso, che a partire da Montesano sulla Marcellana coinvolgerà tutto il Sud della provincia di Salerno. Poderosa la documentazione presa in considerazione così come importanti sono le informazioni e le istantanee inedite tratte da essi.

Documenti, la cui rilettura senza ombra di dubbio alcuno vuole contribuire a dare un quadro nuovo e più chiaro sul ventennio nel Sud fino al fatidico 8 settembre 1943, per poi proseguire fino alla ricostruzione dello Stato e alla lotta al nazifascismo. Nel volume sono descritte le adesioni e i rifiuti del popolo e delle istituzioni al PNF prima e al nazifascismo poi. Non mancano i nomi e l’attività sovversiva e di resistenza svolta dai valligiani sia in loco sia in altri luoghi italiani.

Il saggio descrive come sia stato accolto il nuovo sistema democratico nel territorio della zona più a sud della provincia salernitana e come la classe dirigente locale sia stata capace di recepire le trasformazioni sociali e politiche determinatesi nel Vallo Di Diano con la caduta del regime fascista. E’ un saggio sulla capacità di “resilienza” di un intero territorio alle violente trasformazioni che subisce, in questo caso nel secondo dopoguerra.

L’evento si svolgerà in ottemperanza alle vigenti norme anti Covid. Oltre agli autori sarà presente il prof. Alfonso Conte, Docente di Storia Contemporanea all’Università degli Studi di Salerno.

– Chiara Di Miele –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*