Buone notizie dal versante dei consumi energetici domestici. Il Governo riconosce alle famiglie con difficoltà economiche il Bonus Gas, reso operativo dall’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico. Si tratta, nello specifico, di uno sconto sulla bolletta del gas e dell’elettricità che abbatte la spesa annua per il riscaldamento, l’acqua calda e l’energia elettrica fino a 248 euro all’anno.

Il bonus può essere richiesto e ottenuto da tutti i clienti domestici che abbiano un contratto di fornitura di gas naturale (per l’abitazione in cui si risiede), i nuclei familiari con un indicatore Isee non superiore a 7.500 euro (20.000 euro per le famiglie con più di tre figli a carico). Le domande vanno presentate al Comune di residenza, utilizzando i moduli scaricabili dal sito internet dell’Autorità per l’energia (www.autorita.energia.it).

Inoltre, è necessario presentare un documento di identità valido, un modulo (modulo A) compilato interamente, l’attestazione Isee in corso di validità, l’allegato CF con i componenti del nucleo Isee e l’autocertificazione dell’utilizzo del gas naturale (lo sconto non è concesso a chi usa GPL in bombole).

Se l’Isee è superiore a 7.500 euro (ma entro i 20.000) e la famiglia è numerosa, bisogna presentare anche l’allegato FN (scaricabile online). Nel momento in cui si presenta la domanda è importante essere muniti del codice PDR, di 14 cifre, che identifica il punto in cui il gas naturale viene consegnato dal fornitore al cliente (si trova nella bolletta o nel contratto di fornitura).

Il Bonus Gas può essere richiesto anche per il consumo di elettricità e le due agevolazioni sono cumulabili. Sul sito dell’Autorità per l’energia è disponibile un modulo (modulo A) che consente di richiedere sia il bonus elettrico che quello del gas.

L’ammontare dello sconto varia in base alla zona climatica del comune di residenza. Nel caso di famiglie numerose con impianto dell’acqua calda e riscaldamento, si va da un risparmio di 154 euro a 202 euro (Atena Lucana, Buccino, Campagna, Castelcivita, Padula, Palomonte, Pertosa, Piaggine, Polla, Sala Consilina, Sicignano degli Alburni) fino a 248 euro (Castelnuovo di Conza e Montesano sulla Marcellana).

– redazione – 


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*