Totale collaborazione da parte dell’Agenzia delle Entrate con la Guardia di Finanza, i Carabinieri e la Dda di Salerno nell’ambito di un’indagine che ha portato all’arresto di un dirigente con ipotesi di corruzione. L’Agenzia adotterà tutti i provvedimenti previsti dalla normativa interna e contrattuale nei confronti del dipendente indagato, riservandosi la possibilità di costituirsi parte civile nel processo penale a tutela della propria immagine“.

Così la Direzione Regionale della Campania dell’Agenzia delle Entrate in merito agli arresti messi in atto ieri sera dalla Guardia di Finanza e dai Carabinieri di Salerno nei confronti dell’imprenditore Gianluca La Marca, amministratore di fatto del noto Caseificio Tre Stelle con sede ad Eboli e del pluripregiudicato Giovanni Maiale, capo dell’omonimo clan camorristico operante nella Piana del Sele. Arresti domiciliari per Emilio Vastarella, Direttore Provinciale dell’Agenzia delle Entrate di Salerno al quale viene contestato il reato di corruzione in concorso con La Marca.

Secondo le indagini La Marca negli ultimi anni ha attuato una politica economica espansionistica sfruttando risorse provenienti da una massiccia evasione fiscale attuata dall’azienda di famiglia, il Caseificio Tre Stelle, da lui di fatto amministrata, progettando di acquistare direttamente o tramite familiari aziende di allevamenti di bufale della zona di Capaccio Paestum ed Eboliin stato di crisi e sottoposte a procedure esecutive. Inoltre per risolvere le pendenze del caseificio e i debiti che aveva accumulato con il Fisco, si sarebbe rivolto direttamente a Vastarella, corrompendolo con un bracciale d’oro e brillanti da donna (ritrovati durante le perquisizioni a casa di Vastarella) ed un orologio di valore ottenendo uno sconto di 60mila euro in realtà non spettante sulle sanzioni che erano state comminate al caseificio dalla Commissione Tributaria.

– Chiara Di Miele –


  • Articolo correlato:

15/2/2019 – Corruzione e turbativa d’asta. Arrestati ad Eboli imprenditore caseario e Direttore Agenzia delle Entrate

 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*