Sono otto le lodi che il Capo della Polizia italiana, Franco Gabrielli, ha firmato ed inviato ad altrettanti agenti della Polizia di Stato, in servizio a Potenza, per un’operazione antidroga nel capoluogo lucano, che il 10 novembre 2016 portò all’arresto di due narcotrafficanti di nazionalità spagnola.

Le lodi sono state assegnate ad otto agenti in servizio presso l’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico e della Sezione Narcotici. Nel dettaglio, gli agenti scoprirono i due, residenti a Siviglia, che alloggiavano in un hotel nel centro di Potenza. Individuati come trafficanti di droga, li osservarono e pedinarono, fino ad intervenire e bloccarli. A seguito di una perquisizione nella loro camera, gli agenti trovarono 66 capsule termosigillate contenenti droga, della lunghezza di cinque centimetri ciascuna. Gli agenti di Polizia, durante gli accertamenti in Questura, notarono che i due spagnoli presentavano l’addome dilatato e lamentavano dolori.

Trasportati all’ospedale “San Carlo” di Potenza, dopo alcuni esami, la sorpresa: avevano ingerito altri 134 ovuli contenenti droga. Da qui l’arresto ed il sequestro della droga, che poteva portare a ricavare oltre 20mila dosi da immettere sul mercato di spaccio lucano. Una tecnica molto utilizzata dai narcotrafficanti stranieri per immettere nel territorio nazionale sostanze stupefacenti di diverso tipo.

Un’accurata attività d’indagine che non è passata inosservata al Capo della Polizia, che nella lode ha così descritto l’attività degli otto agenti di Polizia: “Si distinguevano in una attività investigativa che si concludeva con l’arresto di due cittadini spagnoli, responsabili di importazione, trasporto e detenzione di sostanze stupefacenti e con il sequestro di oltre due chili di hashish. Davano prova, nella circostanza, di capacità professionali“.

– Claudio Buono –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*