Il sindaco di Camerota Mario Salvatore Scarpitta ha voluto fortemente la convocazione di un tavolo interistituzionale per il montaggio delle strutture e delle attrezzature nei lidi balneari dal 15 marzo. Oltre al primo cittadino, all’incontro erano presenti l’architetto Giovanni Villani della Soprintendenza ai Beni Architettonici e Paesaggistici, il Comandante Amleto Tarani dell’Ufficio Locamare di Camerota e delegato per conto del Comandante dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Palinuro, l’ingegner Alessandro Di Rosario, Responsabile dell’Ufficio Demanio Marittimo del Comune di Camerota, l’architetto Antonietta Coraggio, Responsabile dell’Ufficio Urbanistica del Comune di Camerota e Giusy Cammarano, presidente del Consiglio Comunale di Camerota e delegata al Commercio.

Il Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, come la Capitaneria di Porto e la Soprintendenza, si è espresso in modo favorevole all’anticipazione del montaggio delle strutture balneari ricadenti in zona D (spiaggia Marina delle Barche e spiaggia Lentiscelle). I concessionari di strutture ricadenti in queste zone dovranno inoltrare regolare richiesta di anticipata occupazione ed essere autorizzati con provvedimento aggiuntivo al titolo concessionario in possesso.

Destagionalizzare vuol dire anche mettere nelle condizioni gli operatori balneari di poter aprire anticipatamente le proprie strutture. Per prolungare il periodo turistico il territorio ha bisogno di azioni concrete come questa” ha dichiarato il sindaco Scarpitta.

– Chiara Di Miele –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*