Continua a tenere banco la vicenda del presunto inquinamento del fiume Sele. Nella giornata di ieri, il presidente nazionale dei Verdi, Angelo Bonelli, si è recato in visita nella Valle del Sele per verificare di persona la situazione ambientale del territorio.

Gli attivisti Francesco Senese ed Antonella Spiotta, che hanno organizzato il tour, hanno illustrato a Bonelli la situazione dello smaltimento di percolato nel depuratore del Cgs di Contursi Terme, del depuratore in Area ASI di Oliveto Citra, dell’impianto di compostaggio di Castelnuovo Di Conza e del nuovo caso di moria di trote alle sorgenti del Sele. Nel mese di ottobre, infatti, le guardie ambientali del WWF avevano già avvistato nelle acque del Sele, che si presentavano di colore insolito, una sorta di biancastro ed un centinaio di trote morte. In seguito ai controlli di Arpac e Asl, è stata segnalata la presenza di materiali litoidi nel fiume.

Al termine della giornata, il presidente Bonelli ha dato la propria disponibilità ad approfondire tutte le vicende e si è impegnato  a sostenere le iniziative in difesa dell’ambiente organizzate dai comitati e dai cittadini dei comuni della Valle del Sele.

– redazione –


– Articolo correlato –

18/01/2014 – Trote morte nel fiume Sele. Intervista a Piernazario Antelmi, del WWf Campania

 

Commenti chiusi