Il Vallo di Diano potrebbe avere una fermata dell’Alta Velocità tra Atena Lucana e Sala Consilina.

E’ quanto emerge da uno studio di fattibilità predisposto da Reti Ferroviarie Italiane e trasmesso dal Ministro Enrico Giovannini al Parlamento.

Il progetto di Rete Ferroviaria Italiana, si ricorda, ha individuato anche il Vallo di Diano come percorso per i treni veloci verso Basilicata, Calabria e Sicilia. L’amministratrice delegata Vera Fiorani, infatti, ha presentato in Parlamento quello che potrà essere il futuro tracciato di Alta Velocità/Alta Capacità Salerno Reggio Calabria. La linea attraverserebbe il Vallo di Diano e vedrebbe così applicato il principio del tracciato autostradale con relativa stazione.

Nelle scorse settimane, inoltre, è stato dato l’ok dalla Comunità Montana al progetto riguardo il passaggio. Circa la presenza di una stazione, invece, erano solo state avanzate ipotesi. L’ipotesi, ora, tramite un primo step progettuale, potrebbe diventare realtà.

Cautamente ottimista sulla notizia il consigliere regionale Tommaso Pellegrino:Questo è un primo passo – ha affermato – ma occorre attenzione massima perché siamo all’inizio. Stiamo seguendo tutto il percorso  per fare in modo di mantenere questa ipotesi operativa con il Governo”.

Il consigliere Pellegrino, inoltre, nei giorni scorsi ha incontrato il viceministro alle Infrastrutture e ai Trasporti Teresa Bellanova: “Si è parlato di Alta Velocità – ha affermato – ma anche di messa in sicurezza e potenziamento dei trasporti su ferro nel nostro territorio”.

Nei prossimi giorni, invece, incontrerà Raffaella Paita, presidente della Commissione Trasporti della Camera.

“Si avvierà ora l’interlocuzione con le Commissioni parlamentari – conclude – ma è necessaria senz’altro una sinergia univoca tra tutte le parti coinvolte, inclusa la Regione, per portare a casa un risultato storico importante”.

Le nuove fermate dell’Alta Velocità sarebbero Salerno, Atena Lucana/Sala Consilina, Praja, Cosenza e Lamezia.

– Claudia Monaco –

 

 

8 Commenti

  1. Donato+Guzzo says:

    Quanto è stata realizzata la sicignano – Lagonegro comandava solo Mussolino ed è stata fatta ora ne comandano tanti ma non si fa niente sono passati 38 anni dalla chiusura c’è stata qualche novità esame interrogatevi

  2. Giuseppe says:

    Si, sarebbe opportuno che passasse nel Vallo di Diano e arrivasse fino alla costa ionica. Con una fermata in Val d’Agri. Solo così si creerebbe un bel slancio di tale zone. Un collegamento est ovest. Taranto Salerno.

  3. Forse il Vallo di Diano è scarsamente popolato anche per la mancanza di infrastrutture non credete?se lo si vuole riqualificare e ripopolare si deve iniziare, giustamente, dalle basi. Speriamo non sia l’ennesima chimera….

  4. Per quanto stimi Pellegrino, secondo me sono solo parole buttate al vento per solo scopo politico di facciata. Io credo che i piani di RFI siano ben diversi e prevedono soltanto di arrivare prima a Reggio Calabria e non di fare stazioni AV ogni 50 km, altrimenti non sarebbe più Alta velocità ma poco più di un InterCity.
    Basta vedere quante fermate AV ci sono da Napoli in su: Roma, Firenze, Bologna, Reggio Emilia, Milano, Torino. Tutte grandi città. Interi territori tra queste fermate, ben più popolati del Vallo di Diano, sono stati tagliati fuori in favore della riduzione dei tempi di percorrenza tra i grandi centri urbani.
    Che poi l’Alta Velocità SA-RC debba passare nel Vallo sulle tracce già esistenti di una linea ferroviaria in disuso, piuttosto che bucare ulteriormente il territorio del Cilento, mi sembra una scelta molto sensata.
    Ma da qui a pensare che il Vallo di Diano possa avere la sua stazione AV la vedo una missione quasi impossibile tenendo conto dell’obiettivo di fondo dell’Alta Velocità.
    Staremo a vedere

    • Esattamente.
      Anche se naturalmente ci si augura di sbagliare.

    • ........ says:

      Comunque pellegrino ha detto che bisogna essere prudenti non ha detto è sicuro che ci sarà la fermata come forse ha detto qualche altro politicante in cerca di pubblicita

  5. Giulio+Pica says:

    Bene, ottimo. Ovviamente si deve ripristinare anche la Sicignano-Lagonegro per i treni regionali con la stazione di interconnessione a Sala Consilina

Rispondi a Giuseppe Cancel

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*