Nuovo allarme scabbia ad Eboli.

Sarebbero tre i casi registrati nell’Istituto Comprensivo “Giacinto Romano”.

Le mamme dei piccoli alunni delle elementari, come riporta “Il Mattino”, non nascondono la preoccupazione per una eventuale epidemia.

Ieri mattina il sindaco Massimo Cariello e l’assessore all’Istruzione Lamonica hanno convocato una delegazione di genitori e la dirigente dell’istituto Elisa Scattaretico,

“Era necessario convocare la riunione perché abbiamo ritenuto di fare ancora una volta da collante tra l’istituzione scolastica e le famiglie spiega il sindaco – anche lo scorso novembre abbiamo avuto un filo diretto con la Asl per monitorare la situazione e consentire a tutti di comprendere bene quale sia la profilassi da seguire per la prevenzione e per evitare contagi. Oggi, come a novembre scorso, abbiamo ribadito la disponibilità a procedere con la disinfestazione e l’ordinanza di chiusura della scuola. Ma purtroppo, come spiegato dai medici di riferimento, la disinfestazione non dà alcuna certezza di debellare l’acaro. È chiaro che le famiglie devono fare più attenzione all’igiene personale”.

L’acaro della scabbia muore dopo due giorni se non è dentro l’epidermide ma ha un periodo di incubazione di diverse settimane. Il contagio avviene con lo scambio pelle a pelle.

Lo scorso novembre, occorre ricordare, ad Eboli furono registrati altri due casi.

– Claudia Monaco –

 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*