“Siamo indignati per quanto accaduto ieri, si tratta di un gesto indegno che non merita giustificazioni”.

A riferirlo è Fabio Leuzzi, neo Responsabile Sicurezza ed Integrazione del Movimento “Noi con Salvini – Vallo di Diano” in merito all’aggressione di una studentessa fuori dalla scuola a Sant’Arsenio da parte di un suo coetaneo magrebino. Il giovane, a seguito di un probabile malinteso, avrebbe atteso la ragazza fuori dalla scuola per poi sferrarle un pugno in un occhio.

“Siamo arrivati al punto – ha dichiarato Leuzzi – che un genitore non può inviare i suoi figli a scuola in maniera serena perché c’è chi attenta alla loro sicurezza con gesti inopportuni. A prescindere dall’origine magrebina o meno, la sicurezza va sempre assicurata e soprattutto vanno insegnate le regole del vivere civile. Gli islamici, poi, hanno a priori un’idea della donna come essere inferiore, già da piccoli. Bisogna sì, lavorare sull’integrazione, ma anche far capire che qui siamo in Italia con una cultura diversa e soprattutto delle regole da rispettare”.

Leuzzi lancia infine quella che definisce “una provocazione” in merito alla sicurezza: “È vero che nelle scuole ci sono già i rappresentanti, ma sarebbe opportuno che ci fossero dei rappresentanti della sicurezza nelle scuole, che segnalino eventuali disagi e criticità vissute dagli studenti”.

– Claudia Monaco –


  • Articolo correlato:

21/11/2017 – Sant’Arsenio: lite all’uscita da scuola. Studente magrebino ferisce una compagna ad un occhio

 

 

 

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano