Accoltellò l’ex amante rumena a Salerno. 64enne condannato in primo grado a 9 anni e mezzo









































E’ stato condannato a nove anni e mezzo Giuseppe Ingenito, l’infermiere 64enne che lo scorso aprile accoltellò a Salerno l’ex amante rumena.

Il Tribunale di Salerno, come riporta “La Città di Salerno”, ha condannato l’uomo in primo grado per tentato omicidio.

Ingenito lo scorso 24 aprile accoltellò la 38enne a Mercatello dopo averla vista passeggiare con un collega.Ingenito, dopo una violenta lite, sferrò un fendente al petto della donna che le lambì il cuore.










Fondamentale nelle indagini è stata la ricostruzione fornita dal sistema di videosorveglianza presente nella zona. L’uomo, dopo pesanti accuse a voce alta all’ex amante, è passato ai fatti cacciando un coltello e colpendola.

Il 64enne non ha mai rinnegato le sue responsabilità sottolineando che voleva solo spaventarla e, per questo motivo, ha scelto il rito abbreviato.

La 38enne uscì dall’ospedale dopo una settimana di ricovero presso l’ospedale di Salerno.

– Claudia Monaco –


  • Articolo correlato:

22/04/2019 –Giovane donna accoltellata per strada a Salerno. Ricoverata in gravi condizioni al “Ruggi d’Aragona”

 





































Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*