È stato condannato a 6 anni ed 8 mesi di reclusione un padre accusato di abusi sessuali sulla figlia 13enne. Il drammatico episodio è accaduto ad Olevano sul Tusciano dal 2017 e i fatti si sono protratti anche in seguito.

Come si legge sul quotidiano “Il Mattino“, l’uomo, di origini rumene, avrebbe costretto la figlia a compiere atti sessuali quando la moglie non era in casa. Diversi gli episodi raccapriccianti di cui è accusato, tra cui atti di autoerotismo.

La ragazzina si confidò con la psicologa della scuola e raccontò delle molestie subite dal padre che addirittura andava a prenderla a scuola prima dell’orario di uscita per portarla a casa e costringerla alle violenze sessuali mentre la madre era fuori per lavoro. Gli episodi avvenivano in camera da letto, ma anche mentre la ragazzina lavava i piatti o puliva il bagno. Il padre le rivolgeva parole come “prostituta“, l’abbracciava per palparla e l’accusa è stata confermata da alcune intercettazioni telefoniche ed ambientali. La madre, venuta a conoscenza dei fatti, secondo il racconto della figlia tentò di confortarla dicendole che da quel momento avrebbero dormito insieme, ma non la difese mai palesemente.

I Carabinieri, dopo aver accertato che l’uomo non lavorava, effettuarono dei controlli nella sua abitazione e scoprirono che la figlia spesso si assentava da scuola, senza giustificazione, e che diverse volte il padre era andato a prenderla prima dell’uscita ufficiale. Anche il suo rendimento negli studi era peggiorato ed era cambiato il suo modo di vestirsi, segno di un profondo disagio riscontrato anche in una relazione dei servizi sociali che lo scorso anno hanno effettuato una visita domiciliare.

La sentenza è giunta al termine del rito abbreviato ed è stata emessa dal gup Maria Zambrano che ha accolto la richiesta del pm Benincasa, disponendo anche il risarcimento del danno alla parte civile.

– Chiara Di Miele –

2 Commenti

  1. La verità ci sarà però come straniero non viene acolta

  2. Carmen manolachi says:

    Sarà come dicono però se non sapete la verita, vi state semicemente basandosi su informazioni datevi dalle forze Dell ordine… Vorrei io che sono la zia dire ai giornalisti qualcosa in merito… Chimatemi. 346 3175638

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*