“Sul tratto autostradale della Salerno-Reggio Calabria, tra gli svincoli Laino Borgo e Mormanno, la nostra azienda Pagano&Ascolillo ha lavorato celermente per consegnare i lavori nei tempi stabiliti da contratto” inizia così il resoconto dei due amministratori Vito Antonio Pagano e Massimiliano Ascolillo sulla vicenda del tratto autostradale interessato da continue polemiche per il rallentamento subìto negli ultimi mesi.

“Si è fatta molta comunicazione negativa, dimenticando che in quel tratto il nostro personale composto da 20 persone circa ha lavorato giorno e notte per due mesi al fine di completare le due importanti gallerie “Donna di Marco” e “Colle Trodo” curando anche l’illuminazione e le eventuali emergenze del tratto in gestione, con tutte le criticità del caso dovute al traffico”.

Il tratto autostradale in questione da marzo è stato al centro di un’inchiesta conclusasi di recente che ha riguardato la tragica scomparsa dell’operaio 25enne di origini rumene. Sulla vicenda l’amministratore Pagano precisa: “In realtà non è crollato il viadotto come in molti hanno detto, ma la campata sulla quale si stava lavorando per farla venire giù, che era stata staccata seguendo il normale iter di lavorazione previsto”.

Il 25 luglio il “battesimo” del tratto interessato ha dato respiro ad un importante punto nevralgico della Salerno-Reggio Calabria e ha visto il Ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio, essere tra i primi ad attraversare il Viadotto Italia, invitando i vacanzieri a non lasciarsi intimidire.

“Dopo l’apertura nessun disagio – assicura la Pagano&Ascolillo – noi gestiamo la segnaletica h24 in quel tratto e possiamo garantire che la circolazione del traffico sta procedendo normalmente”. L’invito della società è di non fare più terrorismo mediatico, un atteggiamento non premiante per chi lavora e sacrifica le sue ferie per portare a termine i lavori. Massimiliano Ascolillo e Vito Antonio Pagano precisano inoltre che la costruzione di gallerie e viadotti richiedono tempi lunghi e accuratezza.

La società Pagano&Ascolillo gestisce sul tratto dell’A3 l’illuminazione di 12 gallerie, la segnaletica, il controllo traffico e la gestione emergenze con relativa manutenzione e hanno 12 persone con turni 24 h che lavorano congiuntamente con Anas e Polizia di Stato.

– Tania Tamburro – 


3 Commenti

  1. Ferdinando says:

    Svolgo il servizio di guardiano agli accessi ai cantieri e devo fare i complimenti ai ragazzi di Pagano per l’impegno svolto ed al responsabile con la Dacia blu che mi sfugge il nome

  2. Quando si lavora con impegno si portano a termine le lavorazioni .

  3. Era ora che finivate i lavori non se ne poteva più ……..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.