Un ospite speciale, don Luigi Merola, ha salutato ieri sera all’Auditorium “Cesarino” i cittadini di Sapri. Un incontro voluto dall’Associazione Terza Età Spigolatrice, con il patrocinio del Comune, per portare sul palco l’importante testimonianza del prete anticamorra che ogni giorno combatte contro i soprusi della criminalità organizzata napoletana.

Ancora oggi le persone pensano che la camorra a Napoli offre il lavoro – ha dichiarato don Luigi Merola – invece non fa altro che distruggere il futuro dei nostri figli. Noi ci dobbiamo ribellare a tutto questo e ritornare ad essere buoni cittadini“.

A tal proposito don Luigi ha indicato anche quali sono le strade da seguire per restituire ai giovani un mondo migliore. “La prima rivoluzione da fare è quella culturale – ha affermato – solo in questo modo possiamo salvarci. Inoltre bisogna abbandonare la tv spazzatura, posare gli smartphone e accarezzarci un po’ di più”. Infine il prete anticamorra ci ha tenuto a sottolineare l’importanza che la chiesa riveste in questo cammino essendo un luogo “dove si entra per parlare con il Signore e dal quale si esce poi per cambiare il mondo“.

Nel corso dell’incontro, moderato dal giornalista Francesco Lombardi, è stato consegnato anche un riconoscimento al giornalista Vincenzo Rubano da parte dell’associazione A.T.E.S. per l’ammirevole lavoro dello smantellamento delle piazze della droga di tutta Italia che svolge in coppia con l’inviato di “Striscia la Notizia” Vittorio Brumotti.

Durante la serata non sono mancati i saluti del Sindaco Antonio Gentile che ha ringraziato l’A.T.E.S per le splendide iniziative che realizza sul territorio. L’ultima in ordine cronologico è la donazione di una culletta all’ospedale di Sapri, come segno di una nuova vita che sta per nascere. La serata è stata allietata da momenti di musica con il cantante Simone Bruzzese e di danza con le piccole ballerine dell’Associazione dirette dalla maestra Carmen Fusi.

– Maria Emilia Cobucci –

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*