Il sindaco di Sant’Arsenio Donato Pica ha firmato un’ordinanza per regolamentare e disciplinare la concessione e l’erogazione dell’acqua per usi domestici ed extradomestici per un utilizzo razionale, proficuo e corretto.

L’ordinanza si è resa necessaria considerata la stagione estiva e la situazione di perdurante assenza di precipitazioni che impongono il rigoroso contenimento del consumo dell’acqua potabile e la sua limitazione agli usi consentiti dalle condizioni generali e speciali dei contratti di somministrazione, al fine di migliorare la resilienza del sistema di approvvigionamenti e di amministrare al meglio la risorsa in vista di possibili situazioni emergenziali.

Per tutti gli utenti del pubblico acquedotto, fino al 30 settembre, è vietato il prelievo e l’impiego dell’acqua potabile per il lavaggio di cortili, piazzali e veicoli. E’ vietato utilizzare l’acqua proveniente dall’acquedotto per innaffiare piante, orti e giardini o per riempire piscine, fontane ornamentali e vasche da giardino.

Si può, invece, utilizzare l’acqua della rete idrica per i servizi pubblici, di igiene urbana e per tutte le attività economiche specificatamente autorizzate per le quali necessita l’uso di acqua potabile.

L’Amministrazione invita i cittadini a limitare al minimo il consumo dell’acqua potabile e non lasciare aperte le fontanelle pubbliche al fine di evitare gli sprechi. E’ anche consigliato di montare nei rubinetti gli appositi dispositivi frangi-getto che tramite la miscelazione di acqua e aria consentono un risparmio del 50%, di non utilizzare acqua corrente per il lavaggio di piatti e verdure ma utilizzarla solo in fase di risciacquo, di preferire la doccia al bagno perché consente un risparmio fino al 75%, di controllare il corretto funzionamento dei propri impianti idrici ed irrigui al fine di individuare eventuali perdite, di usare lavatrici e lavastoviglie sempre a pieno carico, di non far scorrere acqua in modo continuo durante il lavaggio dei denti o la rasatura della barba, di utilizzare l’acqua di lavaggio di frutta e verdura per innaffiare le piante.

Tutti i trasgressori riceveranno una sanzione amministrativa che va dai 25 ai 500 euro. In caso di necessità l’Amministrazione potrà estendere il divieto di prelievo ad altre utenze extradomestiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*